Noi e l’Europa

Ogni tanto ci vuole qualcosa di serio, anche perché non pensiate a me come una spensierata oca ridens. Anche se non ne parlo molto condivido preoccupazioni e malesseri con chi mi circonda.  Pubblico pertanto un messaggio ricevuto stamattina che rispecchia perfettamente il mio modo di pensare.

LO STATO chiede
di aumentare l’età
delle pensioni perché in EUROPA tutti
lo fanno.

NOI CHIEDIAMO IN CAMBIO:

– di arrestare tutti i politici corrotti, di allontanare dai pubblici uffici tutti quelli condannati in via definitiva o che patteggiano perché in EUROPA tutti lo fanno, o si dimettono da soli per evitare figure imbarazzanti.

NOI CHIEDIAMO:

– di dimezzare il numero di parlamentari perché in EUROPA nessun paese ha così tanti politici!

NOI CHIEDIAMO:

– di diminuire in modo drastico gli stipendi e i privilegi a parlamentari e senatori, perché in EUROPA nessuno guadagna come loro.

NOI CHIEDIAMO:

– di poter esercitare il “mestiere” di politico al massimo per 2 legislature come in EUROPA fanno tutti!

NOI CHIEDIAMO:

– di mettere un tetto massimo all´importo delle pensioni erogate dallo Stato (anche retroattive), max 5.000,00 Euro al mese di chiunque, politici e non, poiché in EUROPA nessuno percepisce 15/20 mila oppure 93.256,00 euro al mese di pensione, come avviene in ITALIA per gli ex dirigenti di Stato.
Il 10% del costo delle pensioni italiane appartiene a questi soggetti.

NOI CHIEDIAMO:

– di far pagare farmaci, visite specialistiche e cure mediche ai familiari dei politici poiché in EUROPA nessun familiare dei politici ne usufruisce come avviene invece in ITALIA dove con la scusa dell’immagine vengono addirittura
messi a carico dello stato anche gli
interventi di chirurgia estetica, cure balneotermali ed elioterapiche dei familiari dei nostri politici!

CARI MINISTRI

– avete votato unanimemente l’aumento del 300% dei vostri rimborsi spese, portandoli a 150.000,00 Euro annui oltre ai 19.600,00 Euro di stipendio mensile che vi paghiamo.

– non ci paragonate alla GERMANIA dove non si pagano le autostrade, i libri di testo per le scuole sono a carico dello Stato fino al 18° anno d’età, il 90% degli asili e dei nidi sono aziendali e gratuiti e non vengono chiesti 400/450 Euro come gli
asili statali italiani!

IN FRANCIA:

– le donne possono evitare di andare a lavorare part time per racimolare qualche soldo indispensabile in famiglia e percepiscono dallo Stato un assegno di 500,00 Euro al mese come casalinghe più altri bonus in base al numero di figli.

IN FRANCIA:

– non si pagano le accise sui carburanti delle campagne napoleoniche, mentre per noi la pressione fiscale su ogni litro è del 75% e paghiamo ancora per la guerra d’Abissinia!

IN INGHILTERRA:

– il capo della polizia di Scotland Yard guadagna la metà rispetto ad un questore italiano.
– loro non fanno parte della UE e non versano tributi a fondo perduto per mantenere i nostri politici.

IN BELGIO:

– tutte le visite mediche e le ecografie delle gestanti sono a carico dello Stato oltre al sussidio di disoccupazione di 900,00 Euro fino a quando si riesce a trovare lavoro.

IN SVEZIA:

– lo Stato regala ad ogni pensionato una bicicletta o l’esenzione del biglietto di trasporto al fine di raggiungere a costo zero i centri commerciali.
Chiediamo troppo? Ci sembra che stiate tirando troppo la corda… non vorrei che la nostra pazienza si esaurisse…

Elogio del pessimista

Stanotte ci sono andata un pò pesante con gli aforismi sui pessimisti. Oggi vorrei dire qualcosa in loro favore. Ho visitato il blog di Niphus, meglio conosciuto come Niphus il Cazzaro, che evidentemente sta attraversando un periodo di euforia e parla di salme, funerali, bare ecc. E poiché è stato criticato per questo, ha pensato di organizzare una festa. Peccato però che la voglia senza musica… scusa Niphus, una festa senza musica è una riunione di condominio! La musica ci vuole, Music is life, perciò a quella penso io  e ne approfitto per  rubare l’idea a 321…click  iniziando proprio con i Blues Brothers…

I pessimisti poi non sono da buttare, anzi direi che, se incanalate sapientemente, le loro fobie, le loro indecisioni, le loro perplessità possono trasformarsi in una costruttiva prudenza, che può permettere di  commettere sbagli. Ecco direi che essere prudenti e guardinghi è un pessimismo soft che non preclude al fatto di godersi la vita.

D’altra parte se mi guardo attorno non abbiamo molti motivi per pensare positivo…almeno noi comuni mortali. Come siamo messi è sotto gli occhi di tutti, non occorre che faccia un elenco. Eppure gli ottimisti resistono e vanno avanti cocciuti; ad esempio sono allo studio progetti e studi per permettere all’uomo di andare a curiosare su Marte. C’è chi parla addirittura di future vacanze sul pianeta rosso e alcuni studiosi asseriscono  che nei prossimi anni sarà possibile farsi un viaggetto sulla luna! Come al solito l’uomo non si smentisce mai, invece di cercare di sistemare l’appartamento ridotto ad un porcile, preferisce comprarne uno nuovo che naturalmente farà la fine del primo. Siate onesti, voi smaniate veramente dalla voglia di andare sulla luna o su Marte? Io no, è più che pessimista mi definirei realista. Ma parliamo degli ottimisti. A dopo…

Supponete per un attimo di essere un contadino, di avere campi coltivati e frutteti carichi di frutti e vigne che si piegano sotto il peso dei grappoli. Avete lavorato sodo per ottenere tutto questo. Ma ecco che un giorno, sicuramente un venerdì 17, un maledetto nubifragio con colossale grandinata si abbatte sul vostro podere. Acqua, vento peggio della bora di Trieste e soprattutto chicchi grandi come palle da tennis distruggono tutto quanto. Uno scenario  apocalittico, da strapparsi i capelli e anche da suicidio se siete particolarmente sensibili. Almeno così si comporterebbe un pessimista… e come dargli torto? L’ottimista invece che fa? Naturalmente prende atto dello scempio, è inevitabile, poi osservando la grandine ghiacciata ne raccoglie un secchiello, entra in casa e si prepara un Mojito riflettendo che non tutti i mali vengono per nuocere. Pensate che sia incosciente? Forse ma così non si rovina la vita. E va avanti per la sua strada, passo dopo passo. Magari gli potrà capitare di dover fare un passo avanti e due indietro, ma non penserà mai che è sfigato,  sta semplicemente ballando il cha cha cha…

Il Dalai Lama dice che nessuno nasce sotto una cattiva stella, è solo che guarda il cielo in modo sbagliato. E se lo dice lui…

Bisogna dire che il pessimista spesso ha ragione, mentre l’ottimista a volte prende delle cantonate, però si diverte sicuramente di più. Del resto è risaputo che  la vita è come un’equazione di matematica: per ottenere il massimo, devi saper convertire il negativo in positivo. E a proposito del famoso bicchiere di vino mezzo pieno e mezzo vuoto, fregatevene una volta per tutte! L’importante è che il vino sia buono!

Ma non s’era parlato di una festa? Apriamo le danze dunque!

E ridi un pò!

Dedicato ai pessimisti 

Il  pessimista è uno che se può scegliere fra due mali li prende entrambi.
(Oscar Wilde)

Ci sono momenti in cui tutto va bene. Non abbiate paura, non durerà.
(Jules Renard)

Il gruppo sanguigno di un pessimista è sempre B-negativo.
(Anonimo)

Il pessimismo è una scusa per non tentare e una garanzia per assicurarsi di fallire.
(Bill Clinton)

Un pessimista è un uomo che guarda entrambi i lati della strada prima di attraversare un senso unico.
(Laurence J. Peter)

Un pessimista è uno che, quando sente profumo di fiori, si guarda in giro per vedere dov’è la bara.
(Henry Louis Mencken)

Ottimista è chi dice: “Domani è domenica”; pessimista chi dice: “Dopodomani è lunedì”.
(Gustave Flaubert).

Sia ottimisti che pessimisti contribuiscono alla nostra società. L’ottimista inventa l’aereo e il pessimista il paracadute.
(Gil Stern)

L’ottimista vive nella penisola delle infinite possibilità. Il pessimista è incagliato nell’isola della perpetua indecisione.
(William Arthur Ward)

Il  pessimista prudente si suicida gettandosi davanti all’ambulanza.

(Gabriel Laub)

Io sono un convinto negativista. Io semplicemente non vedo un bicchiere che è mezzo pieno e lo chiamo mezzo vuoto; io vedo un bicchiere che è completamente pieno e mi preoccupo che qualcuno stia per rovesciarlo.
(Peter McWilliams)

Gli unici interessati a cambiare il mondo sono i pessimisti, perché gli ottimisti sono contenti di quello che hanno.
(José Saramago)

Chi pensa alla morte muore due volte.
(Proverbio)

Il pessimismo è non di rado ottimismo che ha perso la pazienza.
(Roberto Gervaso)

L’ottimista ama la vita; il pessimista la conosce.
(Roberto Gervaso)

Il pessimista è in realtà un ottimista: quando le cose vanno male è il solo a pensare che vadano proprio come devono andare
(Mauro Parrini)

Sono ottimista: un giorno la terra servirà a concimare un pianeta lontano.
(Altan)

Pessimista: chi teme il meglio.
(Roberto Gervaso)

Quando si è vecchi, si ha dinanzi a sé soltanto la morte, mentre quando si è giovani si ha davanti la vita; sennonché ci si può chiedere quale dei due casi sia il più inquietante, e se tutto sommato la vita non sia qualcosa che è meglio avere dietro di sé che davanti.
(Arthur Schopenhauer)

Un ottimista sta alzato fino a mezzanotte per vedere il Nuovo Anno. Un pessimista sta alzato per accertarsi che il vecchio anno se ne vada via.
(Bill Vaughan)

Chiedi denaro in prestito dai pessimisti – non si aspettano che tu lo restituisca.
(Anonimo)

La luce in fondo al tunnel è un treno che sta arrivando.
(Anonimo)

Ci sono cose che…

Probabilmente nessuno leggerà questo mio sfogo…quasi sicuramente chi leggerà mi farà notare, giustamente inorridito che, con tutti i bambini e le persone che muoiono per fame, guerre, malattie, non è proprio il caso di scaldarsi tanto per un rinoceronte. E ha ragione! Ma ora in questo momento a caldo sento l’incontenibile bisogno di incazzarmi come una bestia dopo aver letto questa notizia:
“A Parigi dei bracconieri si sono introdotti di notte nello zoo, sono entrati nella gabbia dei rinoceronti e ne hanno ucciso uno, poi con la motosega gli hanno asportato il corno per rivenderlo”
Bene, io spero che possano finire  inseguiti da un branco di rinoceronti  con le palle di traverso i quali, una volta che li abbiano raggiunti, ne facciano scempio. E non vi dico quali altri pensieri mi attraversano la mente, potrei essere terribilmente sgradevole.