Elogio del pessimista

Stanotte ci sono andata un pò pesante con gli aforismi sui pessimisti. Oggi vorrei dire qualcosa in loro favore. Ho visitato il blog di Niphus, meglio conosciuto come Niphus il Cazzaro, che evidentemente sta attraversando un periodo di euforia e parla di salme, funerali, bare ecc. E poiché è stato criticato per questo, ha pensato di organizzare una festa. Peccato però che la voglia senza musica… scusa Niphus, una festa senza musica è una riunione di condominio! La musica ci vuole, Music is life, perciò a quella penso io  e ne approfitto per  rubare l’idea a 321…click  iniziando proprio con i Blues Brothers…

I pessimisti poi non sono da buttare, anzi direi che, se incanalate sapientemente, le loro fobie, le loro indecisioni, le loro perplessità possono trasformarsi in una costruttiva prudenza, che può permettere di  commettere sbagli. Ecco direi che essere prudenti e guardinghi è un pessimismo soft che non preclude al fatto di godersi la vita.

D’altra parte se mi guardo attorno non abbiamo molti motivi per pensare positivo…almeno noi comuni mortali. Come siamo messi è sotto gli occhi di tutti, non occorre che faccia un elenco. Eppure gli ottimisti resistono e vanno avanti cocciuti; ad esempio sono allo studio progetti e studi per permettere all’uomo di andare a curiosare su Marte. C’è chi parla addirittura di future vacanze sul pianeta rosso e alcuni studiosi asseriscono  che nei prossimi anni sarà possibile farsi un viaggetto sulla luna! Come al solito l’uomo non si smentisce mai, invece di cercare di sistemare l’appartamento ridotto ad un porcile, preferisce comprarne uno nuovo che naturalmente farà la fine del primo. Siate onesti, voi smaniate veramente dalla voglia di andare sulla luna o su Marte? Io no, è più che pessimista mi definirei realista. Ma parliamo degli ottimisti. A dopo…

Supponete per un attimo di essere un contadino, di avere campi coltivati e frutteti carichi di frutti e vigne che si piegano sotto il peso dei grappoli. Avete lavorato sodo per ottenere tutto questo. Ma ecco che un giorno, sicuramente un venerdì 17, un maledetto nubifragio con colossale grandinata si abbatte sul vostro podere. Acqua, vento peggio della bora di Trieste e soprattutto chicchi grandi come palle da tennis distruggono tutto quanto. Uno scenario  apocalittico, da strapparsi i capelli e anche da suicidio se siete particolarmente sensibili. Almeno così si comporterebbe un pessimista… e come dargli torto? L’ottimista invece che fa? Naturalmente prende atto dello scempio, è inevitabile, poi osservando la grandine ghiacciata ne raccoglie un secchiello, entra in casa e si prepara un Mojito riflettendo che non tutti i mali vengono per nuocere. Pensate che sia incosciente? Forse ma così non si rovina la vita. E va avanti per la sua strada, passo dopo passo. Magari gli potrà capitare di dover fare un passo avanti e due indietro, ma non penserà mai che è sfigato,  sta semplicemente ballando il cha cha cha…

Il Dalai Lama dice che nessuno nasce sotto una cattiva stella, è solo che guarda il cielo in modo sbagliato. E se lo dice lui…

Bisogna dire che il pessimista spesso ha ragione, mentre l’ottimista a volte prende delle cantonate, però si diverte sicuramente di più. Del resto è risaputo che  la vita è come un’equazione di matematica: per ottenere il massimo, devi saper convertire il negativo in positivo. E a proposito del famoso bicchiere di vino mezzo pieno e mezzo vuoto, fregatevene una volta per tutte! L’importante è che il vino sia buono!

Ma non s’era parlato di una festa? Apriamo le danze dunque!

E ridi un pò!

Dedicato ai pessimisti 

Il  pessimista è uno che se può scegliere fra due mali li prende entrambi.
(Oscar Wilde)

Ci sono momenti in cui tutto va bene. Non abbiate paura, non durerà.
(Jules Renard)

Il gruppo sanguigno di un pessimista è sempre B-negativo.
(Anonimo)

Il pessimismo è una scusa per non tentare e una garanzia per assicurarsi di fallire.
(Bill Clinton)

Un pessimista è un uomo che guarda entrambi i lati della strada prima di attraversare un senso unico.
(Laurence J. Peter)

Un pessimista è uno che, quando sente profumo di fiori, si guarda in giro per vedere dov’è la bara.
(Henry Louis Mencken)

Ottimista è chi dice: “Domani è domenica”; pessimista chi dice: “Dopodomani è lunedì”.
(Gustave Flaubert).

Sia ottimisti che pessimisti contribuiscono alla nostra società. L’ottimista inventa l’aereo e il pessimista il paracadute.
(Gil Stern)

L’ottimista vive nella penisola delle infinite possibilità. Il pessimista è incagliato nell’isola della perpetua indecisione.
(William Arthur Ward)

Il  pessimista prudente si suicida gettandosi davanti all’ambulanza.

(Gabriel Laub)

Io sono un convinto negativista. Io semplicemente non vedo un bicchiere che è mezzo pieno e lo chiamo mezzo vuoto; io vedo un bicchiere che è completamente pieno e mi preoccupo che qualcuno stia per rovesciarlo.
(Peter McWilliams)

Gli unici interessati a cambiare il mondo sono i pessimisti, perché gli ottimisti sono contenti di quello che hanno.
(José Saramago)

Chi pensa alla morte muore due volte.
(Proverbio)

Il pessimismo è non di rado ottimismo che ha perso la pazienza.
(Roberto Gervaso)

L’ottimista ama la vita; il pessimista la conosce.
(Roberto Gervaso)

Il pessimista è in realtà un ottimista: quando le cose vanno male è il solo a pensare che vadano proprio come devono andare
(Mauro Parrini)

Sono ottimista: un giorno la terra servirà a concimare un pianeta lontano.
(Altan)

Pessimista: chi teme il meglio.
(Roberto Gervaso)

Quando si è vecchi, si ha dinanzi a sé soltanto la morte, mentre quando si è giovani si ha davanti la vita; sennonché ci si può chiedere quale dei due casi sia il più inquietante, e se tutto sommato la vita non sia qualcosa che è meglio avere dietro di sé che davanti.
(Arthur Schopenhauer)

Un ottimista sta alzato fino a mezzanotte per vedere il Nuovo Anno. Un pessimista sta alzato per accertarsi che il vecchio anno se ne vada via.
(Bill Vaughan)

Chiedi denaro in prestito dai pessimisti – non si aspettano che tu lo restituisca.
(Anonimo)

La luce in fondo al tunnel è un treno che sta arrivando.
(Anonimo)

Ci sono cose che…

Probabilmente nessuno leggerà questo mio sfogo…quasi sicuramente chi leggerà mi farà notare, giustamente inorridito che, con tutti i bambini e le persone che muoiono per fame, guerre, malattie, non è proprio il caso di scaldarsi tanto per un rinoceronte. E ha ragione! Ma ora in questo momento a caldo sento l’incontenibile bisogno di incazzarmi come una bestia dopo aver letto questa notizia:
“A Parigi dei bracconieri si sono introdotti di notte nello zoo, sono entrati nella gabbia dei rinoceronti e ne hanno ucciso uno, poi con la motosega gli hanno asportato il corno per rivenderlo”
Bene, io spero che possano finire  inseguiti da un branco di rinoceronti  con le palle di traverso i quali, una volta che li abbiano raggiunti, ne facciano scempio. E non vi dico quali altri pensieri mi attraversano la mente, potrei essere terribilmente sgradevole. 



Di compleanni, regali, fiori ed altre storie 

Periodo intenso per me, ho in programma una serie di compleanni che mi costerà soldi e forze.  Soldi per i regali e forze per le torte che dovrò confezionare. Facciamo una specie di calendario:

☆ 22 febbraio – l’amico del cuore di mio figlio Luca

☆ 23 febbraio – figlia della mia amica Leda

☆ 24 febbraio – mio… beh sì, ieri era il mio compleanno e anche di una delle mie cognate 

☆ 25 febbraio – mio figlio Luca

☆ 26 febbraio – marito della mia amica Leda

☆ 27 febbraio – Cecilia, la ragazza di mio figlio Luca

☆ 28 febbraio – un nipote da parte di mio marito

☆ 3 marzo – mia figlia Letizia 

☆ 5 marzo – terza figlia della mia amica Leda

Riprendo fiato e vi propongo in video. Oggi solo canzoni romantiche e strappalacrime…così state calmi

Una bella lista, vero? Intanto ho già preparato gli ingredienti per la torta dl cioccolato con le pere, domani andremo a festeggiare un bel pò di compleanni a casa di Leda  e non mi va di andare a nani vuote. Già so che troverò suo marito afflitto e in piena depressione… si rifiuta di invecchiare, allo scoccare del 40° anno di età ha cominciato ad andare in crisi e non ne esce più! Sarà dura, anche perché sembra più vecchio di mio marito, mentre in realtà ha solo 50 anni, mentre mio marito ne  ha 60…

Altra pausa con video grondante passione e voluttà 

Comunque a proposito del mio compleanno ho ricevuto da mio marito e figli una di quelle trousses  complete di ombretti, fard per le guance, rossetti e matite.  E tanti fiori sia recisi che in vaso, come una stupenda pianta di camelia che mi ha lasciata a bocca aperta. Sono stata molto contenta, anche perché per la prima volta mio marito mi ha regalato qualcosa che riguarda me come persona e non come “angelo della casa”; di solito mi regala batterie di tegami tanto che non so più dove metterli. Ma ho anche ricevuto degli auguri simpatici e divertenti… Uno di questi lo troverete dopo il prossimo video  col quale siamo proprio ai livelli di guardia. Qui si piange per forza e magari ci si stropicciano pure le mani disperatamente…< /i> 


Dicevo auguri simpatici e divertenti come questo ricevuto by whatsapp:

Sai che cos’e la S.A.D.A.E.? È un acronimo che sta per Sindrome da Attenzione Deficitaria Attivata dall’Età.
Si manifesta così:
Poniamo il caso che tu decida di lavare la macchina. Mentre ti avvii al garage vedi che c’è della posta sul mobiletto dell’entrata.
Decidi quindi di controllare prima la posta. Lasci le chiavi della macchina sul mobiletto per buttare le buste  vuote e la pubblicità nella spazzatura e ti rendi conto che il secchio è strapieno. Tra la posta hai trovato una fattura e decidi di approfittare del  fatto che esci a buttare la spazzatura per andare fino in banca, visto che  sta dietro l’angolo, per pagare la fattura. Cerchi in tasca il portafoglio, ma non c’è. Sali in camera a prenderlo e sul comodino trovi una lattina di  coca che stavi bevendo poco prima e che avevi dimenticato lì. La sposti per cercare il portafoglio e senti che è  calda. Allora decidi di portarla in frigo. Mentre esci dalla camera vedi sul comò i fiori che ti ha regalato  tua figlia e ti ricordi che li devi mettere in acqua. Posi la coca sul comò, e lì trovi gli occhiali da vista che è  tutta la mattina che cerchi. Decidi di portarli nello studio dopo aver messo  i fiori nell’acqua. Vai in cucina a cercare un vaso e  con la coda dell’occhio  vedi un  telecomando. Ti ricordi che ieri sera  siete diventati pazzi cercandolo e decidi di portarlo in sala, al suo posto!! Appoggi gli occhiali sul frigo, non trovi nulla per i fiori,  prendi un bicchiere alto e lo riempi di acqua… intanto li metterai qui  dentro. Torni in camera con il bicchiere in mano, posi il telecomando sul  comò e metti i fiori nel recipiente, che non è adatto e naturalmente….. ti cade un bel po´ di acqua….. mannaggia!!! Riprendi il telecomando in mano e vai in cucina a prendere uno  straccio. Lasci il telecomando sul tavolo della cucina ed esci ………….
…cerchi di ricordarti che dovevi fare con lo straccio che hai  in mano……

Conclusione:
 – sono trascorse due ore;
– non hai lavato la macchina;
– non hai pagato la fattura;
– il secchio della spazzatura è ancora pieno;
– c’è una lattina di coca calda sul comò;
– non hai messo i fiori in un vaso decente;
– non sai dove hai messo il portafoglio;
– non trovi più il telecomando della televisione;
– non trovi più nemmeno i tuoi occhiali;
– c’è una macchiaccia sul parquet in camera da letto e …….
– non hai idea di dove siano le chiavi della  macchina!!

Ti fermi a pensare: come può essere? Non ho fatto nulla tutta la
mattina, ma non ho avuto un momento di respiro……mah!!

Riflettete gente, riflettete…è per finire poteva mancare questo video, la quintessenza dello strazio umano?


Mi scappa la p…azienza

Per la serie “se ne sentiva l’esigenza”


In questi giorni ho letto da qualche parte che si sta lavorando sodo per  clonare i mammuth. La cosa mi lascia alquanto perplessa…premesso che io amo alla follia gli animali,tutti, mi dispiace molto per quelli estinti ma ormai è andata così, fatevene una ragione…
(Piccola pausa con video)

Passata la perplessità borbotto  tra me e me… l’uomo è un animale impagabile, pieno di sfaccettature e di misteri. Eh sì perché si da un gran daffare per salvare le specie in  via di estinzione, e spesso non ci riesce, però poi ha la grandeur  di riportare in vita una razza estinta già da un pezzo. Per farci cosa poi? E dove li mettiamo? Come reagiranno gli altri animali che eventualmente si troveranno a condividere lo stesso spazio? E come si farà a gestirli? E i pensieri si affastellano gli uni sugli altri, penso a questo povero nostro pianeta che non se la passa troppo bene… è quelli vogliono i mammuth!

(Altra pausa video)

E continuo a pensare, fra un pò mi uscirà il fumo dalle orecchie a furia di pensare… penso che questi studi, questi esperimenti costeranno un bel pò di soldini, soldini che potrebbero essere impiegati meglio, che so, c’è gente che muore di fame e di malattie,  Porca pupazza! Ci sono bambini denutriti, senza nessuno che si occupi di loro, che non sanno neppure se vedranno la luce del giorno dopo e voi, porca troia, volete far rivivere il mammuth? Ma andate affan… a proposito, a quando la clonazione dei dinosauri? Ho giusto voglia di un cucciolo di T Rex da tenere come animale da compagnia. 

(Scusate i francesismi ma quando ce vò ce vò)