Nouvelle cuisine: sushi di bacherozzi

Salve. Cosa ci propone oggi la tv? E soprattutto che cosa dovrebbe proporre? Innanzi tutto dovrebbe accontentare le varie fascie di teleutenti trasmettendo programmi divertenti ma anche intelligenti, notiziari ben fatti con servizi fotografici interessanti supportati da riprese fatte al momento e ricche di particolari, programmi di approfondimento e culturali. Guardiamo se i vari palinsesti offrono quanto detto:
– programmi divertenti ma anche intelligenti?
divertenti può anche darsi che lo siano, bisogna vedere che genere di divertimento intendiamo noi, sicuramente sono poco intelligenti.
– notiziarii ben fatti ecc… ma per carità, non se ne parla nemmeno! sono tutti la copia l’uno dell’altro, supportati oltrettutto da foto di repertorio che magari non hanno nulla a che fare col servizio stesso
– programmi di approfondimento e culturali. Oddio, me ne sono forse perso qualcuno?

Una cosa è certa, imperano il qualunquismo e l’approssimazione, la volgarità e la violenza, la tracotanza, l’imbecillità e manca del tutto la professionalità. Dilagano i talk show, i reality show dove si urla, s’impreca per intimidire. Le parolacce? una volta erano proibite, adesso se non dici la parolaccia sei fuori, non ti si fila nessuno. Non parlo di scaricatori di porto o facchini dei mercati generali, bensì di persone che noi tutti riteniamo abbiano un certo livello di cultura come Sgarbi, tanto per dirne uno. Qualcuno dice che tanto sono tutti programmi costruiti a tavolino in precedenza e quindi sono in un certo senso finti. E allora che li guardiamo a fare? Ma chi è Vittorio Sgarbi per permettersi di sbraitare come una vecchia megera al mercatino rionale? E’ un critico d’arte? Faccia il critico d’arte allora! Questo per quel che riguarda la politica.

poi ci sono i talk show “leggeri”… Leggeri per modo di dire, perchè anche lì si urla, si inveisce, si trascende e a farlo sono anche gentili donzelle e attempate signore e sono peggio degli uomini a volte. Prendiamone uno a caso, Uomini & Donne della De Filippi, specialmente quello Over cioè dedicato agli over 40. Volano insulti pesanti, si fanno risse e se entra in campo quel pachiderma di Tina Cipollari non è escluso che si venga anche alle mani. Personalmente trovo che U&D sia uno dei peggiori programmi tv mai visti, anzi lo metterei al primo posto seguito dal Grande Fratello e da Barbara D’Urso a pari merito. Ma oggi voglio esagerare e vado quindi a pescare nel trash più trash che c’è, sto parlando di DMAX, il quale promette i migliori live streaming 24 ore su 24, i migliori show di avventura ecc…Dice testualmente: “Scopri una programmazione dal linguaggio innovativo nata per soddisfare le passioni maschili” E già questo la dice lunga sull’atmosfera che si respira in questo canale. Che cosa propone dunque DMAX? La scelta è ampia, si va dalle sfide tra jeep che sembrano carri armati a giganteschi camion che affrontano bufere di neve e pericoli inenarrabili per consegnare merce in qualche sperduto anfratto del Canada o della Groenlandia, naturalmente il tutto condito da incidenti e guasti vari. Poi ci sono i cercatori d’oro che si spostano dal Klondike alla foresta dell’Amazzonia o almeno in quel che ne rimane fino a sconfinare anche in Australia, il tutto in episodi dove si vede un manipolo di esagitati che trascinano veicoli enor da lavoro enormi e pesantissimi avanti e indietro per riuscire a trovare qualche pepita d’oro, bestemmiando e imprecando come turchi. Questo sarebbe il linguaggio innovativo per soddisfare le passioni maschili. Poi ci sono i patetici “amanti della natura”, così almeno si definiscono, che decidono di abbandonare la civiltà per rifugiarsi in posti decisamente meno comodi da vivere, come l’Alaska, la Groenlandia ecc. Arrivano pieni di entusiasmo infantile, si
sistemano nei boschi o sulle rive di un lago o un fiume, bellissimi posti incontaminati, almeno prima che arrivassero loro. Costoro infatti, con il tipico travolgente pionieristico entusiasmo tutto USA, iniziano subito a contaminare quel piccolo paradiso, innanzi tutto abbattono alberi per costruirsi la casa, rifugi e recinti vari per gli animali che si portano appresso e per accendere fuochi, vanno a caccia di renne, caribù, orsi e quant’altro offre la fauna locale compresi lepri, pernici, scoiattoli, oltre agli animali da cui ricavare la pelliccia naturalmente, bisogna pur guadagnare qualche soldo per procurarsi il necessario per sopravvivere tra i ghiacci e le nevi. Senza contare le stragi di salmoni che fanno per procurarsi la scorta per il lungo inverno. Ma questo non è che un anteprima del trash targato DMAX, il bello deve ancora venire! Forse qualcuno di voi ne ha visto qualche puntata, si chiama Naked Afraid ovvero Nudi e crudi del canale Discovery Channel. In che cosa consiste? Una coppia di dementi (un uomo e una donna) devono affrontare un periodo di tempo che va dai 14 ai 21 giorni in un posto praticamente invivibile della terra, si va dalla Foresta Amazzonica alle varie jungle, aree sterminate (incredibile ma vero ne esistono ancora) desertiche o coperte da fitta boscaglia impraticabile, paludi insidiosissime, insomma i peggiori luoghi che possiate immaginare sulla faccia della terra. I due vengono scaricati a destinazione e lasciati lì soli, completamente nudi, senza niente di niente, nemmeno le scarpe. E devono cercare di sopravvivere fino alla fine dei giorni assegnati, il tutto tra belve feroci, caimani, coccodrilli, serpenti velenosissimi, ragni e ranocchi velenosi e assediati da sciami di zanzare e pappataci che li riducono come colabrodi, il tutto in un clima spaventoso, rovente di giorno, polare di notte. E se per caso si trovano su una spiaggia baciata dal mare non pensate che vivano in un paradiso terrestre come i due del film “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto”, anche lì dovranno fare i conti con i soliti serpenti velenosi, zanzare che sembrano elicotteri dei marines e squali enormi che popolano le onde. Che cosa si richiede loro per vincere la sfida? Di sopravvivere come ho già detto, di costruirsi un rifugio che resista alle intemperie (ci sono sempre tifoni e scrosci di pioggia), che resista anche agli assalti delle fiere, poi dovranno accendere un fuoco per scaldarsi, cucinare e tenere lontano gli animali e dulcis in fundo dovranno procurarsi il cibo e l’acqua , magari potrebbe anche essere divertente… ma non è così, tutti i partecipanti affermano di avere fatto corsi di sopravvivenza in situazioni estreme ma la maggior parte si arrende e torna a casa dopo pochi giorni. le ragioni sono generalmente il caldo eccessivo di giorno e il freddo polare di notte, gli insetti e la paura di venire sbranati. Poi ci sono le infezioni contratte a seguito di eccessive punture, l’incapacità a procurarsi il cibo ed anche l’incompatibilità tra i due partecipanti alla sfida. Fin qui la faccenda potrebbe anche avere i suoi lati divertenti ma c’è qualcosa che mi lascia perplessa…ogni 5 minuti passano sullo schermo immagini di belve feroci che si aggirerebbero attorno a loro, ce ne sono tante, troppe in uno spazio ristretto com’è quello attorno ai due, i corsi d’acqua sono infestati dai coccodrilli ma quando scendono loro per prendere acqua non succede niente, nessuno si muove, nemmeno un pirana che tenti di azzannare i piedi del malcapitato. Per non parlare dei serpenti, non ce n’è uno che non sia velenosissimo, tutti dal morso letale, nemmeno 1a sè armi moderne per difendersi da eventuali attacchi ma anche per procurarsi il cibo, quando va fatta bene riescono a procurarsi del pesce e dei crostacei, altrimenti ripiegano piluccando la corteccia degli alberi infestati dalle formiche, mangiando appunto le formiche e le loro larve, oppure arrostiscono le grosse larve di coleotteri più grossi e le mangiano! E se non hanno il fuoco alè, tutto a crudo, come se fosse sushi, peccato non avere il wasabi…Ora io dico che mi sembra un fake-programma se così si può dire, come è possibile che non succeda mai nulla? Solo qualche morso di scorpione (quelli meno pericolosi)? E’ vero, qualcuno ha abbandonato per ipotermia, o per un’infezione o perchè si è rotto un piede ma non si è mai vista una situazione veramente pericolosa, anche perchè la troupe che li riprende non deve essere tanto lontana da loro e quindi prenderà le precauzioni giuste per evitare ogni tipo di incidente. Allora, per piacere, non chiamatelo Reality show! Mi risulta però che almeno in America è molto seguito, ma si sa come sono gli americani, non sanno mangiare e probabilmente pensano che le larve siano un piatto da gourmet. E poi per che cosa lo fanno? Per soldi? Devono pagarli veramente tanto se si prestano a questa idiozia, probabilmente sono dei disperati disposti a tutto pur di guadagnare. Lo fanno per la soddisfazione personale? Perchè si sentono invincibili? Ma quale soddisfazione se è tutto pilotato e scontato? Che cosa hanno dimostrato, restando nudi come due vermi nella jungla? Si sentono eroi di che cosa? Secondo me questo reality è una boiata pazzesca per dirla alla Fantozzi.
Scommettiamo che gli episodi sono stati girati nel boschetto dietro casa?