Che tristezza …

Letta al volo mentre bevo il caffè.  A Porto Recanati un signore benestante va al supermercato con la moglie. Ad un tratto si rivolge alla moglie, le dice “scusa un attimo, torno subito” e schizza via, lasciandola appesa al carrello semi pieno.  La donna avrà pensato che avesse bisogno della toilette. Invece no! L’uomo e uscito in auto e si è diretto velocemente verso la pineta, meta di un giro di prostituzione di minorenni nigeriane, anche di giorno. La zona infatti è sorvegliata giorno e notte dai Carabinieri che stanno indagando. Insomma l’uomo è  stato preso da improvviso raptus scopereccio mentre era al supermercato. Può capitare, eccome se può capitare e quando capita meglio approfittare perché si sa, ogni lasciata è persa, a qualsiasi età,  figuriamoci a 90 anni! Si avete capito bene, il nostro eroe ha 90 anni. Ve l’immaginate? Improvvisamente, mentre spinge il carrello,  sente salire l’ “ispirazione” dal basso. Dapprima un pò perplesso, non capisce bene che sta succedendo, poi realizza di colpo che il suo “socio in affari” ha pensato di rifarsi vivo dopo tanto tempo e la cosa lo rallegra, anche se gli sfugge il motivo di tanto vigore. Sapete com’è, la memoria ad una certa età … ma è solo un attimo, come una folgorazione, è capitato anche a San Paolo sulla via di Damasco per altri motivi però, l’uomo ricorda che uso deve fare della belva che ha tra le gambe; trova una scusa con la moglie e se ne fugge anelante verso la gloria. Peccato che nei paraggi ci sia una pattuglia dei Carabinieri che lo pizzica in compagnia di una prostituta nigeriana di 17 anni.
Conclusione: la moglie è dovuta andare a riprenderlo in caserma. Dove l’ha schiaffeggiato sonoramente davanti a tutti.
Che dire a questo punto? Quando la natura chiama l’omo risponde? Però può essere pure che a volte sbagli numero …
Un pensiero va a tutte quelle povere ragazze che finiscono nel giro della prostituzione …

Annunci

Autore:

Pensate quello che più vi piace. Per me è ininfluente

4 pensieri riguardo “Che tristezza …

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...