Agosto se n’è andato

A me la voce di Giuni Russo, splendido strumento, evoca l’estate ed il mese di agosto ormai passato … andato .
.. andato come Giuni  … ma non voglio mettervi tristezza. Ascoltiamo piuttosto la voce incredibile di Giuni …

E siccome sono buona vi propino anche questa simpatica canzoncina …

AH che biricchina questa ragazza che va ad Alghero per darsi alla pazza gioia con uno straniero …
Che idea intrigante! E come potrebbe essere questo straniero, ammesso che io decida di andare in vacanza ad Alghero? Potrebbe essere più o meno così …

Sì potrebbe andare … come ai bei vecchi tempi, quando si andava in discoteca, mia madre la chiamava “il dancing” con l’accento sulla I. Si arrivava in 4/5, sempre quelle, sempre in tiro con una gran voglia di fare quattro salti. E subito arrivavano i falchetti con l’occhio languido del cucador… balli? Certo testina, se sono qui cosa pensi ci sia venuta a fare? Però il ballo glielo si faceva desiderare e quello parlava e parlava e parlava… madonna che palle! E si andava via con un altro …

Eravamo giovani ed incoscienti, convinti che tutto sarebbe andato sempre meglio. Non poteva succederci niente di brutto …
Eppure qualche nuvola all’orizzonte c’era già …

Ho iniziato con Giuni Russo, scomparsa troppo presto, concludo con Pino Daniele, anche lui se n’è andato ma restano le sue canzoni con la sua anima e …

Scusate, una botta di nostalgia.

Annunci

Autore:

Pensate quello che più vi piace. Per me è ininfluente

26 pensieri riguardo “Agosto se n’è andato

    1. Erano gli anni ruggenti. Si andava per rimorchiare ma alla resa dei conti spesso si declinava l’offerta, lasciando l’aspirante partner a bocca asciutta. Anche perché ci piaceva flirtare più che altro. Si aspettava sempre quello giusto per fare una botta di vita. Ma giusto come? Tutti lo siamo e non so come siamo, dipende da chi incontri, se scatta la magia, il feeling è fatta

        1. Non sono mai stata al Cocoricò né in tutte quelle discoteche rutilanti di luci stroboscopiche della riviera romagnola. Ne ho frequentata qualcuna intorno a Bologna ed erano più modeste, più calme. Più che altro si entrava per vedere chi c’era, il ragazzo che ci piaceva magari. A me piaceva soprattutto ballare e ballavo con chi me lo chiedeva. Poi se il tipo mi piaceva glielo facevo capire ma voi ragazzi avete un pò di confusione in testa, se la ragazza vi fa capire che gli piaci deve “dartela” altrimenti è una che vi prende in giro. Scusate, fare un pò di conoscenza prima non sarebbe meglio? E invece subito a cipollare per controllare che sia tutta roba genuina! Sempre a palpare! Sì mi piaci, te l’ho fatto capire, ma perchè subito passare ai fatti? E così capitava che dopo un pò si usciva dal Dancing con un altro meno arrapato. E poi un’altra cosa che mi lascia perplessa di voi, quando finalmente “ve la diamo” se ci comportiamo in maniera normale, senza tante performances erotiche tipo youporn, fate la faccia di circostanza e dite robe tipo: “credevo fossi più esperta, da come ti presenti pensavo avessi più esperienza. Invece non dico che tu fossi vergine, ma quasi quasi …” che una pensa “ma come mi presento? Come una zoccola? ” e ci restiamo pure male. Se invece c’è la mettiamo tutta per darvi soddisfazione, chiedendo alle amiche consigli e sfogliando riviste porno (rubate al fratello che le nasconde in cantina), insomma facciamo il possibile per fare bella figura, alla fine di tutto la vostra sentenza è questa:
          “Sembri una Santa Maria Goretti ma a letto sei un ciclone. Dimmi la verità, io non sono stato il primo, vero? Peccato, io vado matto per le ragazze inesperte, sono così ecco tanti…”
          Al che sorge spontanea una domanda:
          “Ma voi che c…o pretendete? Se flirtiamo senza darvela c’è la tiriamo. Se ve la diamo siamo facili. Se siamo inesperte non c’è gusto. Se facciamo dei numeri siamo navigate.
          Siete un pò complicati!

          1. Ti dirò…. non ho mai avuto rapporti occasionali in vita mia e sinceramente mi farebbe anche un po schifo. Stavo scherzando, non ho mai fatto il lumacone in disconteca, mi divertivo e basta e le ragazze troppo facili non mi sono mai piaciute. Credo ancora nell’amore…. 🙂

            1. Scherzavo anch’io. Ma a quei tempi si incontravano tipi “divertenti”. Non è che amassi molto la discoteca, troppa confusione e troppo di tutto. Ballare però mi piaceva tanto!

            2. A me piaceva parlare tanto di cacca visto che durante le ferie il cambiamento d’aria e di bagno mi rendeva stitico…. 🙂 mi sa che facevo parte della lista dei tipi “strani”…..

            3. Non so se hai presente anche se sei così giovane, negli anni 70 c’era un tipo che ha lavorato anche con Celentano. Era attore e ballerino ed era molto bravo. Io avevo 9/10 anni e me lo ricordo in un programma dove faceva un numero, metteva in bocca una tazzina da caffè. Noi “cinni” impaźzivamo quando lo faceva. Ecco ora ricordo, si chiamava Jack La Cayenne. Negli anni successivi ha continuato ad esibirsi ballando nelle discoteche. Io sono andata a vederlo spesso. Era uno spettacolo vederlo ballare il rock. Ecco per me la discoteca era questo, musica e ballare sempre e sempre. Per rimorchiare c’era tempo.

            4. Guarda che sono più vecchio di te….. me lo ricordo, imitava spesso braccio di ferro. E anche a me piace ballare, ero il piccolo emulo di Michael Jackson….. 🙂

            5. Ma dai! Più vecchio di me … non ci credo, io ho 45 anni. Io ballavo il rock. Volevo imparare quello acrobatico ma i miei non volevano. Dicevano che era un ballo sconcio perché nei volteggiare si mostravano le mutande.

  1. C’è qui una sorta di filtro speciale che mi impedisce di commentare normalmente da Blogspot: vecchia storia.
    Se non te ne vai non capisci, se una stagione non trapassa certe cose non riesci a sentirle nella loro vera essenza; resta comunque la voce, indizio di un senso, di una vita, qualcosa di vero a illuminare i nostri giorni attuali resta sempre.Pino a Napoli Giuni a Palermo e la musica tutto intorno perchè i suoni possiedono una vita a parte e hanno lo spessore dei sogni. Sempre.
    Grazie per la citazione di qualche tempo fa di un mio post: volevo commentarti da qui
    http://farinagiorgio.blogspot.it/
    Ma è stato impossibile. Su blogspot, come sai c’è sempre una colonna sonora, quella per me è un post aggiunto e suona per ognuno di noi in modo diverso.

    1. Si grazie. Anche se adesso comincia la parte più difficile, riabilitazione, controlli e soprattutto ritorno alla vita normale. Avrò un bel pò di cose da fare, praticamente dovrò riorganizzare la nostra vita. Ma va bene così.

  2. “Le sere d’agosto profumano l’aria”… dolce Giuni , come non ricordarla nella mia canzone preferita ” l’addio” veramente una botta di nostalgia! Grazie Suzie

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...