Non ci sono più i TG di una volta …

Faccio mente locale e ripenso alla mia infanzia e alla successiva adolescenza, gli anni della totale indifferenza per ciò che succedeva intorno a me, anche perché nessuno, a cominciare dai genitori, si prendeva la responsabilità di spiegare a noi bambini prima e ragazzi poi come stavano le cose. Mio padre non si è mai preoccupato di farlo. Mia madre, ex sessantottina osteggiata dai suoi genitori,   iniziò a parlare alla mia coscienza verso i 15 anni. Ma, anche se mi soffermavo un po’ più spesso sulle notizie del TG, dopo un po’ mi chiudevo nella mia stanza per dedicarmi ad altro. Però mi dicono che il TG era una cosa seria nel senso che trasmetteva le notizie serie, cominciando dalle più importanti; di solito si dava la precedenza alla politica, l’economia, fatti e avvenimenti nel mondo e poi lo sport. Se c’era un fatto eclatante aveva la precedenza su tutto. Inoltre ogni canale aveva il SUO TG, nel senso che era condotto in un certo modo, aveva i suoi servizi e le sue foto che lo distinguevano dagli altri, anche se parlavano degli stessi fatti. Anche i quotidiani si adeguavano a questo andazzo. E per le altre notizie, i pettegolezzi, il gossip? Quelli erano gestiti da programmi fatti apposta per loro, nonché da giornali che trovavi soprattutto dalle parrucchiere, chi non ricorda il mitico “Novella 2000” ? Erano insomma due mondi a parte, il serio e il frivolo, le notizie che hanno spessore e peso e quelle che servono solo a svagarsi e a spettegolare. Non si mischiavano tra di loro.

Poi è arrivato Silvio a portare una ventata di innovazione, tra i programmi che facevano parte del palinsesto hanno fatto capolino novità dapprima guardate con sospetto, poi con sempre maggiore interesse. Per due motivi, alcune erano totalmente prive della seppur minima traccia di cultura però erano piene di donnine procaci e scollacciate, poi c’erano le così dette telenovele o soap opera, interminabili polpettoni diluiti in miliardi di puntate che tenevano gli spettatori incollati agli schermi. Non dimentichiamo i talk show dove su faceva a gara a chi urlava più forte. Naturalmente il popolino ha abboccato a questa iniziativa, capirete, tra un reportage sul disgelo delle calotte polari e le tette e le chiappe abbondantemente esibite dalle soubrettine … e i talk show dove fare il tifo al calor bianco per la signora Angela cornificata dal marito, tra tutto questo ben di Dio non c’è bisogno di pensarci sù. Per non parlare poi di Beautiful! Altro che le disgrazie del TG! Questa si che roba divertente … ma sì pecoroni, guardate guardate e noi intanto lavoriamo per voi. Ma l’avanzata continua, fino a sbarcare nei TG, dove possiamo vedere il succedersi di notizie come queste, la decapitazione di un ostaggio da parte dell’Isis subito seguita daĺla notizia dell’abbandono dell’Isola dei famosi da parte di una squinzia che ha nostalgia della nonna. Oppure dell’eliminazione dalla casa del Grande Fratello di un’altra peripatetica. O del ritorno sulle scene della cantante Chiara, un tempo facente parte del duo Paola e Chiara. Me chissenefrega! E cosi stiamo assistendo a questo progressivo imbarbarimento dei costumi, questa negazione della cultura a tutti i costi, questo voler mettere tutto sullo stesso piano, così non sapremo più che valore dare a che cosa.
Non mi pare che la si possa definire “informazione”

Annunci

Autore:

Pensate quello che più vi piace. Per me è ininfluente

6 pensieri riguardo “Non ci sono più i TG di una volta …

    1. Purtroppo è difficile non vederli quando vivi con qualcuno che non se ne perde uno, anche se sono tutti uguali. È un pò come la faccenda del fumo passivo, tu non fumi però…

  1. Hai ben ragione. Verrebbe quasi da dire … “Quando c’era Lui, caro lei …”
    Giusto per omologarci a questo pappone d’idee, così abbondante nel truogolo delle notizie Dove tutto e il suo contrario danzano un sabba e pure fuori tempo, come se neppure all’inferno siano capaci di farne una giusta.
    Ruoli che si confondono, figure e figurine che mergono giusto per traghettarci dalla colazione del mattino al pranzo del mezzogiorno e ciascuna lascia la sua bella macchia di morchia, perché in fondo é solo quello che lascia. Perché é solo quello cui aspira.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...