E adesso tocca alle donne!

Eh si, non crederete di essere esenti da difetti. Io sostengo che ogni effetto ha la sua causa e che la colpa non sta mai da una parte sola. Lo so, gli uomini sono inguaribili farfalloni ma non tutti, ci sono anche quelli disposti a collaborare, quelli che c’è la mettono tutta perché le cose filino lisce. Allora perché succede che dopo un pò si danno alla caccia grossa? Ripeto non sto parlando dei Casanova ad oltranza, ma dei tipi tranquilli, normali, senza grilli per la testa che però…
Signore, fatevi un esame di coscienza,  anche la donna, dopo qualche anno di vita di coppia, cambia la buccia o meglio si “sbuccia”. Oggi capita sempre piu spesso che le coppie collaborino in casa perché lavorano tutt’e due, eppure ci sono donne che preferiscono fare tutto da sole “perche lui non ci sa fare”. A questa categoria appartiene la sottospecie delle rompicoglioni, la quale a sua volta è composta da due figure ben distinte,: la prima è “la casalinga inossidabile” detta anche Wonderwoman,  la seconda è la “MAMMMMA” scritto con tante M, perché è più mamma di tutte le altre, è una mammissima a 360•, insomma la mamma italiana. Se la prima figura è ad alto potere deflagrante, la seconda è deflagrante e detonante insieme, e ambedue quando esplodono producono effetti devastanti per i poveri mariti. Parliamo della prima. Wonderwoman è la casalinga per vocazione. È nata così, c’è l’ha nel DNA. Quando è stata concepita, la morula (stadio prima dell’embrione) sapeva già che da grande avrebbe fatto la casalinga perfetta. È in missione per conto di SMAC brillacciaio e di CILLIT BANG. Ed infatti eccola in azione. Vediamo la sua giornata tipo, generalmente il sabato o la domenica: si alza prestissimo, le 5 circa,  porta a passeggio il cane tutto insonnolito poi rientra e dopo una sommaria toilette si fionda in cucina dove inizierà a preparare torte e dolcetti per il marito, così, quando si alzerà, potrà fare scorta di carboidrati che gli alzeranno i livelli degli zuccheri. Dopodiché passerà ad impastare,  sbucciare, tritare, farcire, rosolare, friggere,  mantecare per il pranzo e la cena; il marito sembra un tacchino all’ingrasso per il giorno del ringraziamento. Ma la sua foga casalingoide non è limitata alla cucina. Negli intervalli, mentre i tegami sul fuoco fanno il loro dovere, l’impavida virago si arma di secchio, spazzolone e strofinacci vari e parte per la Guerra Santa contro il Moro che non Al Baghdadi  dell’Isis,  bensì il nero sporco che s’annida in ogni anfratto. E potete star sicuri che la spunterà lei, dopo il suo passaggio i pavimenti profumeranno come campi di violette e il bagno sarà un tripudio di vetri e piastrelle che brillano, mentre dal water esce un bouquet di profumatissimi fiori esotici. Poi c’è il bucato che Wonderwoman esegue come se fosse in rito propiziatorio al dio Dixan. Non manca naturalmente l’hobby, lei ne ha tanti, cucito, uncinetto e ferri per confezionare caldi maglioncini alla sua dolce metà,  giardinaggio, bricolage, insomma è una casalinga a tutto tondo, bravissima, solertissima,  efficientissima, issima dappertutto, ha persino messo vicino alla porta d’ingresso le pattine di feltro affinché il coniuge al rientro dal lavoro possa pattinare da una stanza all’altra come se fosse al Palazzo del Ghiaccio. Questa donna non ha trascurato nulla, la sua casa è sfavillante più del diamante Hope, non trascura nulla tranne… il povero marito che è diventato un pezzo del mobilio da mantenere pulito e nutrito perché lui, a differenza del mobilio, mangia purtroppo.
Ora si può biasimare un pover’uomo che torna a casa e sa già che deve ingozzarsi di cibo e poi starsene buono e zitto sul divano, lo si può biasimare se un giorno prende il volo? Direi proprio di no quindi nessuna pietà per Wonderwoman, e che il marito se ne vada a gambe levate. E gli sia concesso di esultare per la felicità se la sua nuova fiamma non ama fare le pulizie e sa cucinare
a malapena due uova fritte.
Secondo round, la MAMMA!
È quella che generalmente all’inizio fa ben sperare perché coccola e vizi il suo uomo che tutto ringalluzzito si abbandona alle sue carezze. Ma è anche quella che per strada, appena intravvede una carrozzella, si abbatte sullo sventurato neonato dando in escandescenze sceme. È talmente fissata che a volte non si accorge che la carrozzella in realtà è occupata da tale Emidio Rossi, pensionato ed invalido. E questo dovrebbe far pensare… Infatti il giorno in cui si accorge di essere in dolce attesa la sua gioia è incontenibile! Intanto la notizia viene diramata in tutto il pianeta isole comprese, tramite una sarabanda di tweet che raggiungeranno anche i Maori. Successivamente il povero marito verrà trascinato in negozi creati appositamente per gestanti e bebè dove si vendono le cose più assurde e pertanto più costose. E la casa stessa, il nido dei due colombi comincerà ad essere sistemato per l’arrivo del piccolo principe. Tutto cambierà in funzione del pargolo, il quale avrà sì una camera tutta per sé invasa da giocattoli, ma dormirá sempre nel lettone, tra i genitori… finché finirà che il povero marito si vedra costretto a trasferirsi stabilmente nella camera del figlio e ad occupare il suo lettuccio, mentre il figlio occupa il suo posto accanto alla madre. A questo punto inizierà una lenta ed inarrestabile caduta verso l’oblio della considerazione in cui è tenuto il pover’uomo che, spodestato dal figlio, sarà costretto a strisciare contro le pareti , ad annullarsi fino a diventare quasi invisibile. E un giorno sparirà del tutto, nella totale indifferenza del figlio ma soprattutto della moglie.

È dunque il caso di dire che chi è senza peccato scagli la prima pietra e meditare sui propri peccati.

Annunci

Autore:

Pensate quello che più vi piace. Per me è ininfluente

19 pensieri riguardo “E adesso tocca alle donne!

  1. Da questa descrizione delle dinamiche umane manca una cosa fondamentale: il sesso.
    E’ quello la prima vittima di tutti questi impegni puntigliosamente descritti: c’è tempo per un’infinità di cose tranne che per l’eros. Un uomo notoriamente se ne frega di una mensola ben spolverata, meno di un piatto ben cucinato ma se a lungo andare il tran tran quotidiano prevede solo economia domestica…

  2. Infatti casa mia è un mezzo campo di battaglia e la bambina viene ricacciata nel suo letto se arriva nottetempo… e il povero sventurato deve fare metà delle faccende 😀

  3. perdinci che requisitoria, ineccepibile.
    Qualcuno sopra ha scritto che manca il sesso…
    come si fa a fare sesso con due “articoli” di questa fatta???
    pensa a quei poveri sfigati che si beccano la mammmma sguattera per vocazione.

    1. Se fossi un uomo a me non verrebbe neppure la voglia di fare sesso. Purtroppo la mammmma squattera è ancora molto diffusa. Devo dire che lo zelo maniacale per le pulizie e l’attaccamento eccessivo ai figli spesso è una scusa per evitare i rapporti sessuali col compagno. In genere si tratta di persone che si sentono inadeguate rispetto al compagno o hanno una visione sbagliata del sesso a causa dell’educazione ricevuta o brutte esperienze vissute. Alcune riescono ad avere rapporti soddisfacenti ma non si lasciano mai andare completamente.

      1. a dirla tutta spesso le mammmme usano i compagni/mariti per farsi ingravidare, una volta raggiunto l’obiettivo li relegano a soprammobili, Battiato la chiamava “geometria esistenziale”

        1. Sì, seguono l’istinto primordiale, quello seguito dagli animali e dalle tribù primitive, scelgono il maschio migliore per avere una prole robusta cui dedicarsi totalmente. Solo che questo atteggiamento poteva avere una ragione d’essere nella preistoria quando gli uomini partivano per la caccia e per la guerra e stavano via dei mesi, le donne restavano a casa con i figli, ma adesso è solo egoismo!

  4. Qualche anno addietro mi capitò di fermarmi alcuni fine settimana a dormire da una donna che ho frequentato per tre o quattro mesi. Ci si addormentava (….dopo….) con lei che sfilava le décolleté tacco 12 tenendo indosso solo le autoreggenti, e mi svegliava (lei) la domenica mattina ……alle 8 poiché aveva già pronto l’aspirapolvere fuori dalla porta della camera per fare le pulizie. In cucina (grande) non si finiva di pranzare che già puliva e lavava il pavimento. Non parliamo poi dei bagni, dal “mio” non facevo quasi neppure tempo ad uscire che era già pronta con il panno in mano.

    Peccato per il sesso (notevole), ma non sono riuscito a resistere più di pochi week end ….poi sono uscito a prendere le sigarette…….. (che non fumo)

    1. Sveglia alla domenica mattina alle 8 mi può andare bene a patto che si rimanga sotto le coperte a fare un “ripasso” dei compiti svolti durante la notte… magari qualche operazione non è riuscita bene…
      L’aspirapolvere fuori dalla porta? Che tristezza…

  5. Niente sesso? E come può fare il primo, ormai imbottito come una salama da sugo con i trigliceridi, colesterolo, azotemia,uricemia,glicemia fuori scala? Al massimo gli potrebbe essere concesso di utilizzare il “gruppo idraulico secondario” solo ed unicamente per espellere liquido in eccesso, badando bene, anzi benissimo di non lasciare traccia alcuna e abbassando la tavoletta dopo gli usi consentiti dalla legge.
    Per il secondo é bastato che appendesse la mutanda al letto che … Oplà, l’inguacchio è fatto. Fine dei giochi.
    A questo punto … Meglio le Meteore del monte Athos.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...