C’è pazzia e pazzia…

Sicuramennte conoscerete Francisco Goya, pittore spagnolo. Chi ha avuto occasione di passare per Madrid ed ha potuto visitare il Museo del Prado avrà visto i dipinti definiti le pitture nere della Quinta del Sordo. Essi sono una serie di dipinti murali che Francisco Goya realizzò tra il 1819 e il 1823 nella sua casa nei pressi di Madrid e rappresentano a mio modesto parere la serie di dipinti più spaventosi e angoscianti della storia dell’arte, sia per i temi, sia per come vengono resi pittoricamente. Sono dette pitture nere per il fatto che il nero è il colore predominante di gran parte di esse, e forse anche per i soggetti raffigurati.
In questi dipinti vengono riversate tutte le angosce, le fobie e gli incubi che Goya aveva precedentemente espresso sopratutto nelle sue incisioni, temi che fanno venire i brividi lungo la schiena: il sabba delle streghe, Saturno che divora i figli, l’esecuzione di una strega, Giuditta e Oloferne e via di questo passo.
Ma secondo me Il dipinto più terrificante è la rappresentazione di Saturno che con foga terribile e con lo sguardo sconvolto dalla follia divora uno dei suoi figli. La stesura è estremamente semplice e sintetica: uno sfondo nero uniforme dal quale emerge la figura di Saturno di colore ocra.cronos
E’ un soggetto molto raro nella storia dell’arte, forse anche per la brutalità della storia, ma basta fare un confronto con un dipinto precedente di Rubens per accorgersi di come Goya renda questo soggetto in tutta la sua furia selvaggia, cosa che non avviene invece per quello dell’artista fiammingo.
Il senso dell’opera è il tempo (Saturno, in greco Cronos, mitologicamente parlando rappresenta il tempo) che divora le sue creature, con una foga e una voracità che sconvolgono. Semplificando ancora la morale è che il tempo corre veloce e tutto viene, con il tempo, distrutto.
Perchè ho tirato fuori Goya e i suoi quadri angoscianti? Perchè mai come in questi giorni mi sto rendendo conto che non abbiamo capito una cippa di come vanno le cose. Siamo talmente presi dal fare, brigare, realizzare, correre e non ci accorgiamo che siamo andati troppo avanti! Siamo già oltre la soglia critica del tempo, la terra ha il fiatone e non ce la fa più a tenere il passo. Infatti ogni tanto lancia dei minacciosi avvertimenti, ad esempio il terremoto o qualche vulcano che si sveglia, tifoni, cicloni e compagnia bella. E noi? Che facciamo noi? Stanchi di guardare in TV le solite serie di telefilm americani (ma adesso ci sono anche quelli tedeschi) che inneggiano alla violenza, pieni di effetti speciali e di sparatorie, noi scendiamo nelle strade a sparare e uccidere. Ciascuno si arrangia come può, chi se lo può permettere inizia una guerra vera e propria per ammazzare quanti più esseri possibili. Chi invece non ha i mezzi e si deve accontentare prende una pistola o un banale coltello da cucina e ammazza magari il vicino di casa. Chi invece è molto schivo e preferisce le cose fatte in casa ammazza tutta la famiglia. Poi ci sono i fanatici delle strade. Qualcuno di voi avrà visto la serie televisiva Cobra Squadra 11. Ragazzi un consiglio, non vi sognate di andare a Colonia in Germania. E’ un posto pericolosissimo! La gente preferisce stare tappata in casa perchè se esce come minimo si vede arrivare sulla testa un auto che va a schiantarsi sull’asfalto. E poi c’è tutta una gamma di mezzi che vanno a fuoco, generalmente mezzi pesanti che trasportano materiale pericoloso altamente infiammabile. Senza contare le varie bombe da disinnescare. Insomma un inferno. E’ tutto un crepitio di esplosioni, un balenare di fiamme, un susseguirsi di botti con le auto contro altre auto o dove capita, salvataggi spettacolari con gli elicotteri che quasi volano sulla strada oppure con motoscafi impazziti che sfrecciano sull’acqua. Molti feriti, raramente morti, i tedeschi le cose le sanno fare. Insomma come si fa a resistere, lo faccio anch’io, dice il ragazzotto neo patentato, ma anche il nonnetto che si esalta un pò. E così scendono in strada, salgono sull’auto, generalmente una piccola o media cilindrata, qualche fortunato ha il suv, non certo le Mercedes o le BMW tedesche, a vanno convinti di essere minimo minimo dei fenomeni. E così guidano come pazzi, investono persone ma soprattutto sgommano! Ha il sottile piacere della sgommata sull’asfalto! Fateci caso, su 10 macchine che passano la metà fa la sgommata. Che libidine! Metti la prima, tieni giù la frizione, accelera, lascia la frizione di colpo….e la derapata? Parti, accelera, gira lo sterzo, tira il freno a mano…Vicino a casa mia c’è un rettilineo e durante la notte un branco di idioti fa le gare, ognitamto qualcuno si impatacca conto i cassonetti o qualche muretto…
Ho iniziato a parlare del Goya nero e sono finita a parlare di pazzi, come dire da una pazzia all’altra; Francisco Goya infatti trascorse gran parte della sua esistenza tra gli incubi e i tormenti di una mente squilibrata, ma proprio grazie allo squilibrio incontrò la genialità.
Ma questi pazzi che ho citato prima di genialità ne hanno ben poca. Perciò fate attenzione o prima o poi Saturno/Cronos uscirà dalle viscere della terra e inizierà il suo pasto!

Annunci

Autore:

Pensate quello che più vi piace. Per me è ininfluente

31 pensieri riguardo “C’è pazzia e pazzia…

  1. Confesso di aver guardato il quadro che posti con l’espressione solita: questa. Ma ne dai esauriente spiegazione, quindi rinfodero il sopracciglio.
    Per quel poco che ho visto, mi pare che il tedesco tipico da serie tv abbia a disposizione un parco macchine invidiabile, poiché ne distrugge dozzine a puntata.
    Datemi una strada nel parco e un calesse da cui salutare con un cenno del capo.
    Con un calesse credo si riduca di molto la possibilità di stragi sull’asfalto.

  2. I segni ci sono già tutti.
    Inondazioni, terremoti e quant’altro.
    Un’amica mia ha avuto un’invasione di cavallette in casa.
    Ma basta chiudere gli occhi, e ste robe non ci sono più. Puf, sparite.
    La negazione l’abbiamo insita nel dienneà.

  3. Cosa é più pericoloso: Cronos che divora tutto, per non divorare se stesso. Oppure gli agenti della AutoBahn Polizei, che amano seminare, demolire,polverizzare auto da svariate migliaia di euro , ogni volta che ci salgono sopra. Anche a far brumbrum con la bocca come minimo si rompe un fanalino di coda. Cos’è …. Fino a ieri avevano lo spread favorevole, il Deutch-Euro anabolizzato e si sentivano autorizzati a frantumare 50.000 € a scontro?
    Adesso che la locomotiva tedesca non tira più come ques’inverno, adesso che le cose si stanno complicando anche per loro, cosa ci dobbiamo aspettare. Scontro tra Polo e nuovi Maggiolini? Una bella Meriva che perde le ruote?
    Da Cobra 11 a Orbettino 6?
    😛

      1. No !!!
        Orbettino 6.
        Punto.
        e Angela … Faccia un po’ come crede. I tempi cambiano e anche velocemente e se nessuno ci ha ancora pensato, cambiano per tutti. Anche per lei e i suoi compatrioti.ò
        Velocemente: mio nipote adesso lavora alla BASF sede centrale made in Germany.l Bhè é Team Leader e sotto di lui lavoreranno un bel gruppo di tedeschi. Mio nipote ha 30 anni.
        I tempi cambiano … Velocemente.

        ps: va bhé …. Marasso 4. Poi basta eh !!!

            1. di solito c’è un riferimento tipo “lascia un commento” oppure commenti oppure il numero deigli stessi, ma non ho trovato niente. o che sono così rintronata (ipotesi più che probabile)…

            2. Boh, stranissimo! Ma in tutti i post? Sei la prima che me lo dice! Che poi io adoro leggere i commenti, mannaggia!

            3. Romolo, nulla da fare! Ho trovato il Mi piace, il reblog ma come fare per commentare manco l’ombra … me tapina!

            4. Secondo me se vai dall’homepage non c’è, ma se clicchi direttamente sul titolo del post e quindi visualizzi il singolo post dovrebbero apparirti anche i commenti. E se no vuol dire che è destino che dovrai leggere in modo silente!!! 🙂

      1. “Giocano” non mi ci aveva ancora mai chiamato nessuno, ma effettivamente, considerata la percentuale di post minchioni presenti nel mio blog non è un appellativo totalmente fuori luogo….comunque mi chiamo Romolo!

        1. Ecco, hai appena fatto la conoscenza col mio T9, un tipetto eccezionale che ha il compito di correggere i miei strafalcioni. Ma poiché è dotato di un gran senso dell’umorismo li corregge a modo suo, agevolato anche dal fatto che ho il vizio di non rileggere mai quello che scrivo. E ti assicuro che a volte i risultati sono veramente imbarazzanti. Questo succede quando digito dallo Smart ovviamente.
          Bene Romolo, io sono Eleonora.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...