Il riso abbonda sulla bocca degli stolti…

Ma chi è quel deficiente che ha detto una cosa simile? E poi bisogna specificare di quale riso stiamo parlando.
Se parliamo del riso inteso come alimento, quello che si usa per fare appetitosi piatti variamente conditi, i risotti, le minestre col riso, i dolci col riso, che col riso si fa tutto, se parliamo di quel riso bisogna andare in Francia, Italia e Spagna. In Italia nella pianura padana dove i campi sono attraversati da un complesso sistema di canali per permetterne l’irrigazione. Uno dei canali più importanti è il canale Cavour che consente l’irrigazione delle pianure di Vercelli e Novara. Ma non è certo di questo riso che stiamo parlando.
Il riso che intendiamo noi è quello che sorge spontaneo sulle nostre labbra in determinate situazioni, voce del verbo “ridere”, quando per esempio assistiamo a spettacoli divertenti ma non solo. Vi sono anche situazioni che non hanno nulla di comico ma che inevitabilmente ci fanno ridere. Per esempio se quaalcuno cade a terra a molti scappa un sorriso. Non è bello nei confronti del malcapitato che è a terra, sarebbe meglio andare ad aiutarlo. Oppure se vediamo in tv Brunetta e Berlusconi….a me viene da piangere a dire il vero. Poi ci sono ersone particolarmente dotate che riescono a far ridere la gente semplicemente raccontando delle barzellette. Raccontare una barzelletta non è così facile come sembra. Bisogna saperla interpretare, come se fosse una piccola storia. Non bisogna far capire che si tratta di una barzelletta, deve sembrare un fatto introdotto ad arte in un certo discorso che si sta facendo, non un caso a se. In questo modo il pubblico la assimila senza scosse e ride di più. Ad esempio state parlando di una vecchia zia che ha avuto una disavventura qualsiasi e senza interrompere il discorso ad un certo punto dite che, mentre la zia stava parlando è entrato un tizio che ecc…così sembra una cosa veramente accaduta e si ride di più. Se invece mentre state parlando della zia vi interrompete per dire “la sapete questa?” chi vi ascoltava prima rimane perplesso e poi fatica a realizzare e quando avete finito la barzelletta non ha ancora capito di che cosa stavate parlando.
Insomma, mentre è facile far piangere, far ridere non lo è altrettanto. Bene, a me sembra che questi due se la cavino benissimo. Direttamente da ZELIG, Ale e Franz…

Annunci

Autore:

Pensate quello che più vi piace. Per me è ininfluente

4 pensieri riguardo “Il riso abbonda sulla bocca degli stolti…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...