8 marzo, Festa della Donna

A parte la canzone molto bella, vorrei che qualcuno mi spiegasse il significato di questa festa assurda, come assurde sono tutte le altre feste in tema, vedi quella della mamma, del papà, della zia, del nonno, della cognata ecc. fino al famigerato San Valentino. Non vogliamo i vostri mazzolini di mimosa traditori dietro ai quali si nascondono l’indifferenza di tutti gli altri giorni, la mancanza di rispetto, la scarsa considerazione, la cattiveria gratuita, la violenza e l’orrore dei coltelli insanguinati.
Non chiediamo poi molto in fondo, rispetto e amore, poi lasciateci vivere in pace, tutti i giorni, non solo oggi.

Annunci

Autore:

Pensate quello che più vi piace. Per me è ininfluente

22 pensieri riguardo “8 marzo, Festa della Donna

    1. È bella solo come pianta, attaccata all’ albero emana un piacevole e discreto profumo. Appena la stacchi puzza. Non dovrebbe mai mancare in un giardino curato.
      Gli sto sul fatto del raggrinzirsi…

  1. A parte che la mimosa mi provoca una serie incredibili di starnuti e lacrimazione a gli occhi, come farebbero i ristoranti le pizzerie e i fiorai ad incrementare il lavoro? quesi giorni sono per loro. Quante donne hanno ancora bisogno di scuse per uscire una sera un giorno etc? evidentemente ancora parecchie. la festa delle donne è ogni giorno, come pure degli uomini, come pure di tutti gli esseri viventi
    buono..ciao a tutti io oggi vado a camminare per smaltire due giorni di cioccolato torinese..

    1. Ahimè Sì. La mimosa è tra le maggiori responsabili di allergie. Però in un giardino ci sta bene. Sarà perché è gialla, colore che mi piace molto; tagliata perde la sua grazia.
      Ti sei strafogata di cioccolato, perdipiù torinese, e me lo dici così??? In castigo dietro la lavagna, VIA!

      1. infierisco: da Fiorio con panna e pasticcini.. 😛 buona da stare male..
        poi siamo saliti pure in alto alla mole antonelliana.. non finisce qui .
        La mostra del Cinemaaaaaaaaaaaaaaaa…..

  2. Quella di san valentino è la peggiore di tutte, ma … ecco .. ma. Ma se non ti ricordi del giorno, cert’une ti tengono il broncio per giorni, mah.
    Ma dico no anche alle quote rosa, soprattutto ora a quelle imposte per legge come si vorrebbe far passare … una presunta acquisita parità di genere. Se una donna od un uomo non vale, non giustifico nè capisco: son fuori e basta, facciano altro.
    Ciao

  3. OK, sarebbe troppo semplice scrivere che oramai
    le feste son solo un mezzo di consumismo di massa, svuotate
    da ogni significato, ecc ecc …
    Vorrei invece approfittare di questo spazio per riflettere
    su alcune cose che mi perplessano* 😀 di questa festa.
    A me sembra ci sia una volontà distorta di acquisire solo
    i lati negativi degli uomini che tanto criticate, piuttosto che
    un effettiva ricerca di uguaglianza.
    Per non parlare delle quote rosa, cioè quella legge abominevole
    e sfacciatamente maschilista che molte donne tanto acclamano.
    Ecco che, la vera lotta andrebbe portata avanti tutti i
    giorni, dovrebbe essere fatta fuori dal parlamento e da tutti
    i centri dirigenziali e di potere** ……. ma bensì nelle scuole, unico e solo
    strumento per poter fondare le basi di una concreta uguaglianza
    non solo tra uomini e donne ma di ogni individuo da essa composta.

    * voce del verbo perplessare 😀
    ** per non parlare della lotta che alcune donne pensano
    di portare avanti strusciandosi, nelle disco, agli stripper 😀

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...