Mea culpa!

Ho passato anni e anni della mia vita ad accanirmi contro un galantuomo il cui unico peccato è stato quello di cercare in tutti i modi di fare il bene del suo Paese…Lui lo diceva a tutti, si sforzava di farlo capire come meglio poteva, ma c’era della gentaglia che remava contro e non si stancava di mettere in giro pettegolezzi sulle sue attività sia imprenditoriali sia… bè diciamo di come passava il tempo libero. Insomma ragazzi, ognuno è libero di organizzarsi come crede e voi fatevi i c…i vostri. E così non poteva fare nulla perché subito quelli insorgevano, “guardate che disonesto, se lo può permettere perché è ricco sfondato! Ma fortunatamente la sua gente pende dalle sue labbra stirate, lo ama, crede in lui e lo ha sempre sostenuto strenuamente. La sua gente non si è mai fatta intimidire dal vociare carico di invidia delle opposte fazioni che gli vomitavano addosso tutta la loro rabbia, la loro è invidia! Perché altro non era che questo in fondo, invidia, nient’altro che sterile, puerile, ridicola invidia!
Perché lui può permettersi qualsiasi azione, tanto ha carisma e soprattutto ha i soldi. Ma scusate se li è guadagnati col sudore della fronte! Come dite? Che ha sudato poco? Ha sudato…ha sudato, questo è poco ma sicuro, c’è anche chi ha su-preso ma proprio per questo lui ha su-dato. E poi i suoi soldi se li potrà gestire come vuole, o no?
E’ pieno di fighe, molte anche giovani, anzi soprattutto giovani. E voi di nuovo a rosicare! Se madre natura lo ha dotato di un cervello sopraffino che sa usare bene è forse colpa sua? Insomma penso si sia capito che sto parlando di Lui, del mitico Silvio Berlusconi, che io non ho mai amato particolarmente, anzi mi sta proprio sui gioielli. Però oggi alla luce dei fatti devo ammettere che mi sono ricreduta. Analizziamo, leggiamo qua e là le notizie delle Agenzie, rumors, tweeter, facebook e dei vari blog che inneggiano alle sue qualità nascoste e non, ci renderemo subito conto del fatto che Silvio è stato vittima di uno spaventoso disegno che mirava a farlo uscire per sempre non solo dalla scena politica, ma che se ne andasse pure al diavolo! Si è provato in tanti modi di escluderlo, estrometterlo, estro…stronzo sempre lì, immarcescibile, inattaccabile, inossidabile! Perché sono dei dilettanti, dei buoni a nulla! Ricordate il famoso attentato? Quello in cui gli fu lanciato sul viso uno di quei souvenirs per turisti, il Duomo di Milano in miniatura, insomma il Duomo in miniatura contro una miniatura d’uomo,,, Ricordate? Aveva tutta la bocca insanguinata. Ecco io lì mi ci incazzai parecchio, le cose o si fanno bene o non si fanno, non si può lasciare un’azione del genere in mano a degli incapaci. Insomma una bella testata nucleare avrebbe fatto sicuramente un lavoro pulito.
Ma il destino ha voluto che avesse salva la vita, perché lui ha una missione da compiere: SALVARE L’ITALIA DAI COMUNISTI. Così è e così sarà! Ed infatti è passato sopra tutto con la leggerezza di un ippopotamo e col sorriso stampato sulla faccia, tipo “shining”. Ma i comunisti non contenti hanno fatto di tutto per toglierselo dai piedi e c’eerano anche riusciti, anche se la faccenda è costata loro un esaurimento nervoso, esaurimento dal quale non sono ancora bene usciti. Ma non importa, Silvio è fuori, FUORI! Possibile? Il fiato sospeso, è proprio vero? Non fidatevi, dicevo io, l’elemento è subdolo ed ha un sacco di risorse. Ma va là, Cassandra! Che vuoi che faccia, ormai è fuori!

E invece è proprio a questo punto che Silvio rivela la sua natura di stratega intelligente e raffinato, la sua abilità di mettinculo astuto e senza scrupoli. Egli è un Highlander e come tale non può accettare di essere messo da parte come un Fini qualunque. Si rifugia tra i suoi fidi e studia il dafarsi. Studia, studia finchè d’improvviso ecco! Gli si presenta un’occasione unica, da acchiappare al volo. C’è quel giovane sindaco ambizioso quasi quanto una puttana d’alto bordo, che venderebbe anche la madre pur di arrivare LA’! Diamogli una mano, sosteniamolo politicamente parlando. Facciamo in modo che possa avverarsi il suo sogno di gloria. Bisogna avere cura di questo tenero virgulto che si affaccia alla scena politica e è un po’ inesperto. E’ così Silvio prende sotto la sua cappella il giovane Renzi al quale si spianano tutte le strade, vince tutto e si gonfia come un tacchino (maremma maiala, ho Silvio dalla mia! Avrò lavorato come un ciuchino, anzi ho lavorato abbestia, ma diobonino, c’è Silvio che mi protegge). E così il destino si è compiuto, Silvio è risorto, tornerà a dire la sua, ad imporre il suo diktat. Renzi è sul podio ambito. Naturalmente serpeggia il malcontento, Fassina, Cuperlo, l’ala Bersaniana non riesce a mandar giù lo smacco….
Silvio è stato geniale ed è per questo che vengo a porgergli i miei omaggi, perché bisogna riconoscere una cosa che a molti sarà sfuggita: Silvio torna sulla scena accolto dalle fanfare, ma soprattutto ci torna grazie a …. un comunista, uno che occupa un posto di spicco all’interno del partito, quello stesso partito che si è dannato per cacciarlo, che si è opposto a lui con tutte le sue forze. Ora il loro segretario ce lo riconsegna bello incartato con tanto di fiocco.
Ecco perché mi inchino a Silvio, Macchiavelli sarebbe orgoglioso di lui.

Annunci

Autore:

Pensate quello che più vi piace. Per me è ininfluente

10 pensieri riguardo “Mea culpa!

      1. ah ecco ! d’accordo, .. molto geneticamente modificato tanto che non si comprende cosa sia [un democristiano alla vecchia maniera?]. Ma com’ha fatto a diventare pd?
        Ciao

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...