Dio dei cieli, ma con tutto il fango che avevi a disposizione…..

….non ci potevi fare i castelli di sabbia? Ti saresti divertito di più e ti saresti dimenticato di fare l’uomo, che sarebbe stato meglio. E invece tu, cocciuto, hai continuato ad impastare. E impasta oggi e impasta domani, ecco che hai creato l’uomo, bel risultato! Magari le tue intenzioni erano le migliori ma il risultato è quello che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni. Leggi un po’ qua sotto:

di Fabio Polese da piazzolanotizia

L’Ecuador si appresta a mettere in vendita la Foresta Amazzonica e lo vuole fare al meglio, non curandosi della dannosa situazione del territorio, già massacrato dalle multinazionali del legno e dalle deportazioni di popolazioni indigene.

Il governo di Quito sta organizzando degli incontri in diverse capitali straniere per vendere al massimo le potenzialità energetiche dei terreni. Alcuni rappresentanti politici dell’Ecuador, in quello che possiamo definire un vero e proprio tour arrivato alla terza tappa dopo Houston e Parigi, si è recato a Pechino all’inizio del mese per illustrare l’offerta alle principali aziende petrolifere cinesi, compresa la China Petrochemical e la China National Offshore Oil.

«Chiediamo sia alle compagnie private e sia a quelle statali, di rifiutarsi di partecipare a questa asta che viola sistematicamente i diritti di sette nazioni indigene, imponendo esplorazioni petrolifere nei loro territori ancestrali». Questo è il grido di speranza che le comunità indigene dell’Ecuador hanno scritto in una lettera aperta. In risposta a questa lettera, Andrés Donoso Fabara, ministro ecuadoregno per gli Idrocarburi, ha commentato che i leader della protesta non vogliono fare gli interessi delle popolazioni, ma al contrario, hanno «un’agenda politica e non tengono conto dello sviluppo e della lotta alla povertà».

Quito afferma che gli investimenti cinesi potrebbero contribuire allo sviluppo dell’economia della comunità locale, ma secondo le comunità indigene, dietro la scelta fatta dal governo di vendere i territori della foresta, ci sarebbe la volontà di ripagare a Pechino una parte dei tanti miliardi di dollari che gli deve. Dal 2009 ad oggi, infatti, la Cina, in cambio di commesse e petrolio, ha finanziato due infrastrutture idroelettriche tra le più importanti dell’Ecuador. E in ballo ci sarebbe anche un progetto da 12,5 miliardi di dollari per la costruzione di una nuova raffineria.

Secondo l’organizzazione californiana Amazon Watch, se l’affare andasse in porto con le multinazionali cinesi, ci troveremmo di fronte ad una violazione molto grave. Infatti, le linee guida fissate congiuntamente dai ministri cinesi per l’Ambiente e per il Commercio estero il mese scorso, sottolineano che gli investimenti stranieri dovrebbero esserci solo «promuovendo uno sviluppo armonioso dell’economia locale, dell’ambiente e delle comunità». Cosa che in questo caso non accadrebbe.

Nel febbraio del 2001 una sentenza attesa 17 anni, dopo una battaglia legale iniziata negli Stati Uniti e rimbalzata da una Nazione all’altra, aveva dimostrato che le estrazioni di petrolio effettuate nella parte dell’Amazzonia dell’Ecuador, avevano portato grandi danni alle tribù indigene delle regioni di Sucumbios e Orellana. La storia iniziò nel 1993 quando l’allora Texaco, poi fuso con Chevron – seconda compagnia multinazionale petrolifera americana -, a causa delle estrazioni effettuate tra il 1964 e il 1990, fecero aumentare i casi di malattie mortali.

La foresta amazzonica è l’ecosistema più ricco al mondo di specie animali e vegetali – si contano 75mila tipi di alberi diversi -, ed è già gravemente minacciata dalla deforestazione. Invece di «stuprare» questi territori, dovremmo tutelarli il più possibile. Come dovremmo cercare di tutelare lo stile di vita delle tribù Indios che ci vivono. Il direttore di «Survival International» ci suggerisce una riflessione interessante: «Spesso questi popoli (indigeni, ndr) vengono visti come retrogradi perché vivono in modo diverso dal nostro. Ma è questa stessa nozione ad essere invece retrograda e incivile».

Fabio Polese è un giornalista free-lance, collabora con agenzie di stampa, testate giornalistiche e quotidiani.

La prima cosa che mi viene in mente da dire è meglio che non ve la dica,, e nemmeno la seconda , e neppure la terza…..

Annunci

Autore:

Pensate quello che più vi piace. Per me è ininfluente

14 pensieri riguardo “Dio dei cieli, ma con tutto il fango che avevi a disposizione…..

  1. In un mondo ideale tutte le nazioni sosterrebbero (economicamente) le poche di loro rimaste ad averer un patrimonio naturale. Ma non siamo in un mondo ideale, dove l’unico (ideale, appunto) propugnato è quello della ricchezza; in questo contesto come è possibile imporre ad alcuni governanti di non arricchirsi come fanno tutti?

  2. Il discorso che fai è giusto, lo condivido. Sai cosa c’è, però? Siamo tutti bravi a criticare. Gli altri. Senza voler andare lontano… stanno per trivellare alla ricerca di petrolio qui… vicino a noi, in prossimità delle Isole Tremiti. Un parco protetto!!!!! Un luogo dalla bellezza sconvolgente, dalle acque cristalline e dalla fauna ittica tra le più incontaminate rimaste. Ci sono ancora le cernie, pensa. Ci fanno i campionati di caccia subacquea… per la limpidezza delle sue acque. Ora io mi chiedo: cosa succederà al primo incidente, al primo sversamento di petrolio? O quando le petroliere puliranno le loro cisterne?
    Beh, nonostante tutti si oppongano… pare che trivelleranno ugualmente. Possiamo criticare l’Ecuador, noi?

  3. Stiamo proprio adorando il vitello d’oro. E non c’è profeta ad indicare la via…
    Hai fatto bene a postare, anche se è una lettura dolorosa e incazzogena.
    Baci

  4. “Il folle uomo balzò in mezzo a loro e li trapassò con i suoi sguardi:
    Dove se n’è andato Dio? – gridò – ve lo voglio dire!
    Siamo stati noi ad ucciderlo: voi e io! Siamo noi tutti i suoi assassini!
    Ma come abbiamo fatto questo? Come potemmo vuotare il mare
    bevendolo fino all’ultima goccia?
    Chi ci dètte la spugna per strusciar via l’intero orizzonte?
    Che mai facemmo, a sciogliere questa terra dalla catena del suo sole?”
    F. Nietzsche, La gaia scienza, aforisma 125

    1. Scelta azzeccata. E che ognuno dica la sua. Io mi astengo….ma quante ne ho sentite in questi giorni…tante che ormai confondo le facce, le parole, tizio che ha detto, caio che ha risposto, sempronio che ribatte….e su tutti la frase che è diventata un po’ il tormentono di questi tempi incerti e balzani e cioè…”mi lasci parlare, non m’interrompa, se mi lascia finire, io non l’ho interrotta e lei non deve interrompere me”. E mi stupisco che siano le parole che mi hanno colpito più di tutte, perché? Perché sono quelle che rendono veramente il quadro della situazione e cioè questo:
      “a me politico francamente non interessa una cippa della situazione del paese, però devo mettermi in luce, devo emergere, elevarmi su tutti gli altri per conquistare il mio posto al sole e quindi lasciami parlare e non mi interrompere continuamente, perché questo è il mio spazio, il mio momento e tu me lo stai rubando!”
      IO IO IO…MIO MIO MIO!Tutto il resto scivola via…..
      Lo so lo so, dovevo astenermi.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...