Il riposo del guerriero

il riposo del guerrieroHo una nuova badante; cioè non viene per badare me….lo so, qualcuno sta pensando che ce ne sarebbe bisogno…… ma  viene per mia madre.

E’ una ragazza esile come un giunco, di origine filippina, molto paziente e dolce. Nonostante l’aspetto minuto e fragile ha una forza e una resistenza incredibili, ma un’ombra vela i suoi occhi sognanti, non saprei dire se è tristezza, forse nostalgia per la terra che ha lasciato.  Ha un bellissimo nome che ha addottato da quando è in Italia, si chiama Esmeralda. Del vero  nome non vuole parlare, quasi fosse una cosa di cui vergognarsi.  Noi la chiamiamo  Esmeralda come vuole lei. Ha una sorella che si è sposata molto presto, praticamente una bambina,  ma non è felice per colpa del marito. Le chied0 come mai, che fa il marito di tanto terribile? Esmeralda si guarda attorno quasi a volersi sincerare che non c’è nessuno che possa sentire, tranne noi. Poi spalanca gli occhi e mi dice che lui beve, esce tutte le sere, va a donne e torna tardi. E la sorella non osa protestare perché teme  che lui la picchi. Dopodiché afferma decisa che lei sposerà un italiano perché loro sì che sono bravi mariti. Le accarezzo i capelli e la guardo con tenerezza….A quante delusioni andrà incontro…..La vedo così triste che mi  sento in dovere di farla sorridere e allo stesso tempo cerco di aprirle gli occhi.

“Esmeralda, non è come pensi tu, il “marito-Riposo del guerriero” esiste anche da noi…..purtroppo……” Lei spalanca gli occhi stupita e mi chiede che cos’è questo tipo di marito e perché si chiama così.

Il marito “riposo del guerriero”  deve il suo nome al titolo di un libro di successo scritto nel lontano 1958 da  una scrittrice francese, Christiane Rochefort, . Detto libro narra di una ragazza di buona famiglia che una sera salva dal suicidio un giovane scrittore,  che vive una vita tutto fuorché normale.  La ragazza, che sicuramente era parente di Madre Teresa di Calcutta, si innamora e va a vivere con lui che  gliene farà passare di tutti i colori. Ma lei resiste e alla fine la spunta e lo sposa.

La badante mi guarda delusa e dice: “pensavo ci fosse il lieto fine…. ( meno male, c’è speranza che si salvi )

Già, ma com’è il marito “riposo del guerriero”?

Discende direttamente dal ceppo dei Bastardi, ovvero i Divini, i Superiori, i Pieni di sé, coloro che si concedono. Hanno un atteggiamento che può confondere i più superficiali e far pensare che provenga da famiglia nobile. Ma il più dellle volte è un semplice idraulico o al massimo un geometra. Questo non toglie che lui si senta ugualmente un genio fuori di testa  e costringa la poveretta che ha avuto la fortuna di sposarlo di condividere le sue stranezze.

Intanto lui non si sposa, si lascia sposare, soggiace alla volutttà ( sì, proprio con tre T) di sentirsi amato e concupito e concede con distacco i suoi favori alla poveretta la quale, in virtù della fortuna di averlo accalappiato, deve rendersi conto che deve ingaggiare una lotta impari e dura per tenerselo stretto. Perché i lussi si pagano! E questo individuo astutamente cerca di far passare per divine follie i normali vizi dell’uomo medio e cioè alcool, fum0 e donne. Cerca di far credere alla moglie che si deve ritenere una privilegiata perché ha sposato LUI, che fuori dalla porta aveva un codazzo di femmine abbacinate dal suo fascino, ma lui ha preferito sposare LEI. Quindi che si renda conto di vivere un sogno alla portata di poche. E di conseguenza non deve lamentarsi mai e sorridere sempre! La superiorità di questo mentecatto è una martellante verità che schiaccia ma eleva, opprime ma esalta, incatena ma libera, insomma un vero stato di grazia. Per esempio che fanno i mariti normali? Cercano accuratamente di non far sapere alla moglie che sbevazzano; lui no! Lei deve saperlo, così se capita potrà andare a raccattarlo in qualche bar malfamato. Lei deve sapere che lui non l’ama, che l’ha sposata perché gli faceva pena e quindi che non si meravigli se lui s’impegola in relazioni extraconiugali, perché lui ha bisogno di stimoli continui sia sessuali che intellettuali (ha letto solo il Kamasutra per abbinare le due cose). Si sente autorizzato a compiere qualsiasi nefandezza ma per dirla tutta sono più le balle che racconta. Eccolo infatti che sparge per casa orecchini di poco prezzo, oppure nasconde qualche perizoma tra i cuscini del divano, lascia di proposito sul tavolino coppe di champagne piene di Montenegro o Amaro Lucano (in casa non ha trovato altro). Dopodiché asperge la casa di profumi lussuriosi (Violetta di Parma, Tabacco d’Harar) in modo che la moglie rientrando, prima di cadere a terra stroncata da un attacco d’asma, realizzi che in casa  è passata una legione di donne assatanate. E prima ancora che la moglie apra bocca per dire “aiuto, mi manca l’aria” lui la guarda con l’occhio annoiato e con la voce suadente le dice: “Cara, conoscevi già i patti,  se non ti sta bene te ne vai!” Dopodiché aggiunge con un lieve sorriso sprezzante:” lo sai che la tua presenza non può colmare il vuoto che mi dilaga dentro! Lo sai che ho bisogno del mio spazio! Lo sai che non posso costringermi ad amarti!”

Esmeralda sta ridendo a crepapelle; le faccio promettere che prima di sposare un italiano ci penserà due volte, anzi che ci pensi bene prima di sposarsi comunque.

Annunci

Autore:

Pensate quello che più vi piace. Per me è ininfluente

22 pensieri riguardo “Il riposo del guerriero

  1. ahahah! eh, tutto il mondo è paese… Ho un fratello che abita nelle Filippine e racconta di questo popolo mite e sensibile. Purtroppo però reputano una deliziosa leccornia i “balut”, cioè uova cotte con dentro il pulcino. Chiedi un po’ all’Esmeralda…
    Baci!!

    1. Ho chiesto, a lei non piace, anzi inorridisce disgustata. Però mi fa osservare giustamente che c’è un fondo di ipocrisia in tutto questo, infatti non si mangiano forse i polli? Li andiamo a comprare già spennati e puliti e nessuno pensa che sono stati vivi anche loro. In fondo il pulcino non è altro che un pollo piccolo.
      😀

      1. sono vegetariana. Però almeno i polli non vengono bolliti vivi. Ad ogni modo quello sembra essere l’unico “difetto” riscontrabile nei filippini, ma c’è da dire che lui non ha mica sposato un uomo… bensì una “pollastrella”… quindi… ahahah
        bacioni, come sta la Letizia?

        1. @infranotturna
          Ho molta simpatia per i vegetariani. A volte penso che mi piacerebbe esserlo. In effetti non mi costerebbe un grosso sacrificio per quel che riguarda la carne. Però sono ghiotta di pesce, crostacei e molluschi. Dovrei rinunciare anche a loro…..

        2. @infranotturna
          Letizia sta benone e fortunatamente è molto tranquilla e non mi dà problemi. Mia madre mi fa notare che fino al terzo anno d’età sono stata tranquilla anch’io, ma dopo…..

  2. Del libro che hai citato, ricordo una copertina dei Poket della Longanesi. Parliamo degli anni 67/68. Mi incuriosiva molto la fumosa presentazione. Insomma esca per i lettori pollastroni.
    Elementi così , mi sono transitati anche davanti e dopo averli conosciuti li ho giudicati quali sono: cialtroni che non riescono neppure a millantare la propria cialtroneria. Eppure per qualche oscuro disegno riescono pure a mettere a segno le loro puerili trame. E’ proprio vero che l’amore stravolge persone e cose in maniera tale da renderle irriconoscibili. Anche al vero se stesso.
    Peccato, tutti meriteremmo di più.

    1. @Cape
      Lo so a che edizione ti riferisci, è appunto quella che ho trovato io da mia madre, lo ha letto quando era ragazza. E l’ho letto io in poco tempo; ai suoi tempi il libro andò via come il pane e tutti trepidavano per l’eroina. Io dico che bisogna essere proprio scemi per annullarsi a quel modo. Va bene l’amore che ti fa perdere la testa e ti fa fare cose impensate, ma così si esagera!

      1. Quel tipo di rapporto come anche quelli simili si sviluppa proprio nell’annullamento di una persona a scapito dell’altra.
        E’ un rapporto distruttivo, come hai indicato tu e personalmente mi fa in @@##***re come una belva, quando me lo trovo davanti.

      1. @Lillo
        hai vinto un grazioso mongolino d’oro con le sembianze di Brunetta naturalmente! Lo ritiri o lo lasci per le generazioni future? Non sono consentite permute in denaro.

  3. Poi ci sono i deficienti che NON vanno a letto con altre/i ma vogliono fartelo credere, sempre per avere il coltello dalla parte del manico; Poi, quando li molli, giurano di non averti mai tradito, e non capiscono che il punto è ANCHE quello.
    Da ragazzina ne avevo uno così; di solito si cresce… ma non tutti nella giusta direzione!!

    1. @Lillo
      Che esseri abbietti! Non c’è limite al peggio. Se poi vogliamo guardare in fino, quando Uno per fare l’uomo impasta acqua e fango, che cosa ti aspetti che esca?

      1. UN UOMO DI MELMA!

        Ps: Grazie x il mongolino d’oro! Fondilo, ci facciamo tre piccoli orecchini (uno x Ale) a forma di calicino, eh?

        1. Per me va benissimo e se va bene anche ad Ale, siamo a posto
          Comunque abbiamo anche premi di consolazione. Hai presente la Mano de “gli Addams”?Ecco ci sono delle mani in miniatura che ti battono affettuosamente sulle spalle ed è appunto per questo che si chiamano “premi di consolazione” perché consolano…..

  4. Io di Brunetta conosco solo quella dei Ricchi e Poveri… dici che sono poco informato?
    😎
    P.S.
    Un’altra volta avvisa quando cambi template; se lo sapevo entravo qui con gli occhiali da sole, tzè!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...