E a proposito di uomini……

…..c’è da dire che, ogniqualvolta mi capita di curiosare qua e là, mi imbatto in due categorie di donne che si lamentano degli uomini. La prima categoria è composta dalle donne che non ne possono più del loro uomo e non vedono l’ora di liberarsene (a torto o a ragione). La seconda è composta da donne innamorate di un uomo già impegnate che non vedono l’ora di accalappiarlo definitivamente e ce l’hanno con la legittima compagna del suddetto, perchè “tanto lei non lo ama e non lo capisce, quindi perchè non lo lascia a me”. Prima di scansionare l’uomo in questione, un pensiero per le due categorie di donne. Il primo: <Quando ve lo siete accapparrato non vi eravate accorte dei suoi difetti?> Pensiero per la seconda categoria: <Guardate che l’uomo che desiderate sopra ogni cosa probabilmente dirà le stesse cose ad un’altra sventurata> Perchè la canzone è sempre quella, ogni donna, sia che si sposi sia che vada a convivere si prende sempre lo scarto di un’altra donna. A  cominciare dalla prima compagna o moglie che riceve dalla madre di lui la patata sbollita; altro non può essere infatti un uomo cui la madre ha già succhiato la giovinezza, la spontaneità, la risolutezza, insomma gli anni migliori della sua vita. Essa infatti, dopo averlo spolpato di quanto di buono poteva umanamente dare, gli dice: <è ora che tu ti trovi una brava ragazza che si prenda cura di te> amen Inizia così una specie di corsa nel tempo nella quale diverse donne si passano l’uomo come se fosse il testimone. Ed il bello è che lui è convinto di aver fatto tutto da solo, invece è solo un bizzarro gioco del destino che si serve di lui come pedina. Voi direte: <e le donne non fanno lo stesso?> Sono poche quelle che ci ricascano, generalmente delle masochiste. Le altre si guardano bene dal commettere lo stesso errore. Perchè le donne sanno sopravvivere e cavarsela sempre, mentre l’uomo non ce la fa proprio ed ecco che,  una volta che è stato mollato si rimette in discussione e cerca una nuova sistemazione, pronto per essere rilevato dall’ingenua di turno “BUSOGNOSA d’affetto”. A proposito, donne appartenenti alla seconda categoria,  sappiate che l’uomo che vi dice, riferendosi alla moglie, “non mi capisce ecc…..” ed in seguito dirà trionfalmente “ce l’ho fatta, l’ho mollata, ora sono tuo”, in realtà è stato cacciato fuori di casa dalla moglie spazientita dal suo continuo altalenare (la lascio/non la lascio). Sappiate dunque che domani, non appena si ripresenta l’occasione, quello che ha subito la prima moglie lo subirete voi. E quando scoprirete i suoi difetti non fate la faccia delusa, davvero credevate di essere riuscita miracolosamente ad operare in lui una metamorfosi che all’altra non era riuscita? Mi dispiace deludervi, ma l’uomo è e resterà sempre lo stesso……è quello che se mangia molto è un raffinato buongustaio , se lo facciamo noi siamo dei lavandini. Se lui è molto più vecchio della moglie è sempre uno che regge bene le ragazzine. Mentre se è la donna ad essere più vecchia è ormai andata senza possibilità di recupero. Se lui ha i capelli bianchi è interessante, se li ha lei è vecchia. Se lui ama raccontare barzellette è un simpaticone, se lo fa lei è penosa. Se lui fa il cascamorto con le amiche di lei sfoga la sua naturale esuberanza, se è lei ad accettare la corte degli amici di lui, è una svergognata. Se lei non ha fattezze gradevoli è un ciospo orribile, se è invece lui, un uomo è un uomo, non si butta via mai. Se lui si cala gli anni fa benissimo,tanto ne dimostra di meno di quelli che ha, se li cala lei è un’illusa, tanto si vedono  benissimo tutti gli anni che ha. E tanto per chiudere il discorso qualcuno mi vuole spiegare in virtù di quale privilegio all’uomo è stato concesso di fare pipì stando in piedi e facendo finta di ammirare il panorama? E perchè la donna invece deve accovacciarsi come una gallina? Non vi pare che anche il Padreterno si sia comportato da maschilista? Quindi, care ragazze che non vedete l’ora di accalappiare l’ex marito o amante o compagno di un’altra, sappiate che prima o poi sbolllita tutta la magia dei primi mesi insieme, vi troverete nelle stesse condizioni della donna alla quale lo avete sottratto, mentre lui starà sussurrando ad un’altra malcapitata: <la mia compagna non mi capisce> . Non sarebbe meglio risparmiarvi tutto questo?

Annunci

Autore:

Pensate quello che più vi piace. Per me è ininfluente

38 pensieri riguardo “E a proposito di uomini……

    1. scusami, avevo perso il tuo commento. Sono in ritardo per gli auguri? Per quelli di Natale sì ma per quelli di Capodanno sicuramente no.

  1. Mi da l’impressione che questo faccia il paio con il precedente. Solo che quì c’é il prima.
    L’eterna lotta per l’accaparramento della preda. Ambita o meno. Anche il contemporaneo agpone per liquidare la preda stessa.
    Insomma uomini e donne si ritrovano, ciascuno per il suo verso, in mezzo al guado e forse il più importante della vita, sostanzialmente impreparati, soggettivamente inadeguati, obbiettivamente confusi.
    In preda alla sindrome del “vorrei, ma non posso, non volgio non e basta”
    Allora c’é da domandarsi, ma come ha fatto l’umanità a diventare ciò che é, miliardi di individui, che si rincorrono per capirsi, volersi, amarsi poco e quel poco farlo im maniera confusa, pressapochista, ingenua e molte volte infantile. Sempre pronti a farsi domande per trovare l’essenza ultima, ma con la speranza di non trovarla, perché si sente animalescamente che quella risposrta fa paura.

    BUON NATALE a te e alle persone che più ti stanno a cuore, vicine o lontane che siano.

    1. Merita un discorso più ampio, un approfondimento che non sì può concentrare tutto nelle poche righe di un commento.Potrebbe anche essere l’argomento per un nuovo post.
      per ora ricambio gli auguri, poi sì vedrà……

  2. Ti trovo sempre molto intelligente e arguta, ma questo è ovvio altrimenti non seguirei il tuo blog, che ormai conosco e frequento da molto.
    Nello specifico non entro, per motivi… beh, legati alla mia sessualità. Ho anche pubblicato un libro in proposito.
    Qui, però, voglio augurarti il miglior Natale possibile, e tanta, tanta gioia, cara*

    1. Gli uomini sono un po’ complicati a volte. Io che sono una peste ho sempre sostenuto che gli uomini hanno due momenti felici nella vita a due: quando li porti al talamo e quando li porti al tumulo. Ma come ho già detto sono una peste…..
      Tanti auguri anche a te. Un abbraccio forte.

      1. Veramente siamo più felice nel primo, piuttosto che per il secondo … caso.
        Poi và da se, che l’interpretazione é personale. 🙂

        ps: peste? Davvero? NON si direbbe, anzi mi domando chi lo dice … non ha capito che sei particolarmente attenta anche ai minimi particolari … ecco! 🙂

        1. sei gentile ma devo correggerti, sono veramente una peste……tra me e la Litizzetto non so chi avrebbe la meglio

    1. Non è. Un. Lapsus, L’ho scritto di proposito. È. Un modo di dire che dalle mie parti sì usa per indicare le ragazze che più che l’affetto sono a caccia di uccelli paduli, quelli che viaggiano all’altezza dei c….

  3. Spero ci siano anche donne di altre categorie.
    Delle due da te citate ce ne sono tante, purtroppo.
    Ma io sono un uomo e forse non capisco nulla della sensibilità delle donne.

    1. Se è per quello ci sono anche donne assolutamente insensibili. E una donna insensibile è come una rosa senza profumo.

  4. Oh suvvia, dell’umana virtù dell’errare di coppia ormai sei rodata. Ci sono le categorie di donne che descrivi e ce ne sono anche altre. Come di uomini, del resto, potremmo riempire libri (oppsss… li hanno già riempiti mi sa…). Però, senza ombra di dubbio, è sempre fruttuoso leggere di come sia variegata la razza umana. Questo mi porta a riaffermare la mia predilizione per il cibo.
    Un augurio per un sereno e felice Natale a te e alle persone che ami.

    1. Bè, Paxxino, è chiaro che si parla sempre dei “casi”, le persone normali non offrono molti spunti per spettegolare. E cmq sia, sempre meglio il cibo, hai ragione tu. Tanti auguri anche a te, seppure in ritardo.

    1. Grazie Ebreoerrante, scusami per il ritardo, ma entro a spizzichi per motivi che poi ti spiegherò. Purtroppo è un momentaccio ma passerà. Grazie ancora.
      Emenomaleche…….

  5. ma… se imparassimo a divertirci un po’ anche noi donne??? eh ??’!! ce ne sono di donne che si divertono con gli uomini ce ne sono tante, tutto e tanto da imparare..
    (ti auguro buoni giorni..)

    1. te tu c’hai ragione da vendere. E’tanto che lo dico ma nessuno mi prende sul serio. Donne, alla riscossa, Basta con i ferri da calza, metteteli in saccoccia a lui (se preferisce va bene anche l’uncinetto). E’ ora di far vedere chi siamo, scendiamo in piazza, in strada, in spiaggia, in un alpeggio, in riva ad un lago…..oppure potete salire anche fino all’attico del vostro aitante vicino di casa e, al grido di “I’ve got the power” affrontate la situazione e ponetevi difronte a lui. Potete anche porvi di fianoe, di spalle (consigliato per le più trasgressive ed amanti degli sport estremi). Lascio il resto alla vostra discrezione.
      p.s. non avete un vicino aitante? Insomma, ci sarà pure qualcuno che vi piace in giro, mica devo dirvi tutto io……

        1. AH AH AH AH AH AH….Fedy, mi aspettavo da te qualcosa di simiie. Non facciamo toppa pubblicità però, altrimenti sarai costretto a mettere il distributore di numeri come dai medici.
          Visto che ci sono colgo anche l’occasione per farti gli auguri di buon compleanno, mi pare che sia uno di questi giorni, o no?
          A U G U R I E B A C I A S S O R T I T I

  6. ma titti, è il tuo blog questo? non riesco a ritrovartici. hai proprio deciso per un cambiamento radicale….
    non mi dispiace però.
    tanti auguri affettuosi.

  7. Suzieq, c’è un problema: io mi sono cancellata da splinder, ma coloro che mi cercano vengono inviati qui, sul tuo.. Non è per mia volontà.
    se il tuo account su splider c’è ancora potresti cancellarmi dai tuoi amici splinderiani? oppure, se sai come si fa mi insegni a chiudere il mio account su splinder?

  8. La verità è che ognuno di noi ha i suoi difetti… e per un motivo non bene intuibile nella sua genesi che si chiama “amore” si è portati a non vederli.
    Quando l’amore finisce (per motivi anche quelli difficilmente individuabili), vengon tutti fuori, e diventano essenziali… anche se prima sembravano trascurabili.
    Gran post, comunque… e molto condivisibile. Concordo, essenzialmente.

    1. E’ così infatti, la soluzione sta tutta nel riuscire a tollerare i difetti dell’altro e chiudere un occhio. Attenzione però, tollerare non vuol dire lasciarsi sopraffare, e neppure approvare. Significa alternare i ruoli, oggi perdono io domani tu, ma anche fare un piccolo sforzo per cercare di non cadere sempre nei propri errori.
      Ma perchè, dico io, ci si lascia andare al punto da rovinare un rapporto che era nato così perfetto? Fate uno sforzo di memoria, la donna che avete davanti è la stessa che presa dalla passione per voi non si accorgeva neppure che stava preparando il brodo con le supposte di glicerina invece che con i dadi Star. E l’uomo che si trascina lentamente per casa è lo stesso che per raccogliervi un fiore ha rischiato di precipitare da uno strapiombo. Insomma, via, fate uno sforzo!

      1. Guarda… ti quoto, con bacio accademico.
        Assurdo pensare che la stessa persona che credevamo così meravigliosa magari fino ad un mese fa si sia trasformata in un mostro insensibile e cattivo. Forse non era una dea prima… ma di certo non è l’orco che ci appare oggi.
        Si è semplicemente invertito il reciproco comportamento nei confronti dell’altro/a.

  9. Eh, dici così perchè non sai cosa combino con le mani mentre do il bacio accademico con le labbra…

  10. Umpf. Si, ma io ho fatto una confidenza a te. Non è bello che tu lo dica in giro, adesso.

      1. So cosa intendi. E… capisco, ti stai informando per capire cosa ti aspetta. Guarda, ti posso assicurare che non è vero niente… o a questo punto sarei già cieco da un pezzo. Ed è dall’alto della mia esperienza pluridecennale che posso dunque dirti: tranquilla…

        1. ……IH IH IH IH IH….ma io sono tranquillissima, lo dicevo per te.
          Poi quando parlavo dei problemi alla vista mi riferivo alla tastiera. Hai detto che la tieni in posizione scomoda e quindi forse non ci vedi bene a digitare….

I commenti sono chiusi.